Il giorno più bello, quello del matrimonio, può trasformarsi – grazie alle bomboniere solidali – in un’occasione speciale non solo per festeggiare con amici e parenti, ma per dare il proprio contributo a una causa benefica.

Da qualche anno, infatti, molte associazioni onlus propongono bomboniere per matrimoni (ma anche battesimi, comunioni, cresime e lauree) e gli sposi le scelgono come simbolo della donazione effettuata in alternativa ai classici soprammobili che, diciamola tutta, sono spesso poco amati dagli invitati, invadono le credenze o semplicemente si riempiono di polvere dimeticati sulle mensole più alte. Ecco qualche idea per orientarsi tra le proposte delle associazioni nonprofit per il ricordo che si vuole lasciare agli ospiti del giorno più bello (e anche buono).

Con l’Airc, l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro, si possono scegliere dalle partecipazioni agli inviti, dalle bomboniere ai coni per il riso fino alla lista nozze e al menu: tutto ciò che serve per un matrimonio dal significato ancora più profondo. Particolari le pergamene di ringraziamento che riportano il testo «Per lasciarti un ricordo di questo giorno speciale, in occasione del nostro Matrimonio abbiamo scelto di sostenere AIRC perché, grazie alla ricerca, tutti potremo sperare in un futuro migliore. Insieme all’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro ti ringraziamo anche noi». Il ricavato dalle vendite permetterà, infatti, alla ricerca di rendere i tumori sempre più curabili.

Altromercato, fondata nel 1988, è la principale organizzazione di fair trade presente in Italia e lavora per la promozione e realizzazione di pratiche di economia solidale finalizzate a uno sviluppo sostenibile, nel Sud come nel Nord del mondo. Altromercato garantisce prodotti a prezzi equi per valorizzare i costi reali di lavorazione e permettere una retribuzione dignitosa del lavoro, assicura trasparenza nei rapporti di cooperazione e continuità nei rapporti commerciali, sostiene attivamente la coltivazione biologica e promuove progetti di auto-sviluppo sociale e ambientale. Oltre alle partecipazioni, ai sacchetti, agli oggetti di artigianato del mondo da utilizzare come bomboniera, sul sito si possono acquistare i confetti, prodotto di Commercio Equo e Solidale, (con mandorle e cioccolato al latte, mandorle e zucchero di canna, cioccolato fondente e zucchero di canna).

Da quando, a marzo, è scoppiata l’epidemia in Africa Occidentale, Medici senza Frontiere sta lottando contro l’ebola. L’organizzazione è presente in Guinea, Liberia e Sierra Leone con sei centri e circa 3.400 operatori sul campo, e le sue équipe hanno ricoverato più di 7.000 persone, di cui circa 4.400 sono risultate positive all’Ebola: 1.954 sono guarite. Con un gesto solidale si può condividere questo momento di gioia insieme alle migliaia di persone che i medici riusciranno ad assistere, vaccinare e curare. Sacchetti in cotone per confetti, pergamene personalizzate, scatoline e biglietti, inviti e partecipazioni sono solo alcuni dei modi per sostenere i progetti medici portati avanti in oltre 70 paesi del mondo, dove essere al fianco degli operatori umanitari anche nel giorno più bello.

CISV, Comunità Impegno Servizio Volontariato, associazione comunitaria fondata nel 1961 a Torino, ha creato tre collezioni di bomboniere solidali per matrimonio per aiutare uomini, donne, bambini e bambine in 13 paesi del sud del mondo a progettare per se stessi e per i propri cari un futuro migliore. Realizzate da Papili Factory, cooperativa di Torino che si occupa del reinserimento lavorativo di donne detenute creando oggetti di design con materiali di recupero, dalla creatività dell’artista torinese Paola Rattazzi e dal laboratorio artigianale Alchimilla Apicoltura, le bomboniere equo solidali per matrimonio rappresentano un essenziale contributo per permettere di intervenire in modo indipendente ed efficace in Africa e America Latina. Particolari gli “Auguri di miele”, vasetti di miele millefiori delle valli di Lanzo, con nastro decorativo e biglietto personalizzabile.

L’ABIO, Associazione per il Bambino in Ospedale Onlus, è stata fondata nel 1978 a Milano: il suo obiettivo è intervenire per ridurre il disagio che affrontano i bambini, gli adolescenti e i genitori in ospedale, al momento dell’impatto con la struttura e durante la degenza. L’ambiente sconosciuto, la malattia propria e quella degli altri, la lontananza dagli spazi e dalle abitudini quotidiane possono, infatti, costituire un trauma per il bambino e per tutta la sua famiglia. Per sostenere l’associazione e i volontari si possono acquistare scatoline porta confetti, cartoncini e pergamene.