Capelli crespi: difficili da gestire, da pettinare ed eletttrici quando il clima si fa piovoso e umido. I capelli crespi sono un problema che raggiungono tutte le teste: da quelli ricci e mossi, fino ad arrivare ai capelli lisci troppo stressati.

Ecco dunque alcuni consigli per tagliare ed acconciare i capelli crespi senza spegnere la voglia di divertimento.

Il primo e vero consiglio da rispettare e da tenere sempre a mente è quello di optare per tagli medio-corti, che diano la possibilità ai capelli secchi di rigenerarsi e di riprendere la loro bellezza naturale. Il taglio, per assicurarsi un risultato perfetto, deve essere fatto almeno quattro volte l’anno, così da riportare i capelli alla loro elasticità originale.

Anche il prendersi cura dei propri capelli quotidianamente è importante: dopo lo shampoo è preferibile usare prodotti appositi per capelli crespi (come ad esempio una mousse), che, grazie all’azione di agenti fissanti, riesca a rinvigorire il cuoio capelluto. Il segreto è quello di non pettinare i capelli crespi, bensì, mettendo la tessa in giù, di massaggiare la testa dolcemente.

La migliore acconciatura in caso il capello sia crespo è la treccia: un vero e proprio classico dell’estetica dei capelli, che permette di controllarli e di proteggerli, soprattutto d’estate. Anche le acconciature morbide e non troppo elaborate sono perfette per questo tipo di capello. L’importante è sempre passare del concentrato ai semi di lino o dei cristalli liquidi per lasciarli lisci e senza nodi.

Non resta che mettere le mani tra i capelli, sistemarli al volo, e uscire di casa per non perdere neanche un minuto di vita.