«Sofferenza cerebrale su base ischemica». È questa l’ultima diagnosi su Antonio Cassano, 29 anni, giocatore del Milan, uno dei calciatori più amati dalle donne, colto da un malore la scorsa domenica al rientro a Malpensa dopo la vittoriosa trasferta del Milan a Roma, durante la quale ha giocato l’ultimo quarto d’ora.

Il calciatore è stato immediatamente ricoverato al Policlinico di Milano per accertamenti nel reparto di neurologia, accanto a sé la madre e la moglie Carolina Marcialis. Le sue condizioni avevano da subito fatto pensare a un ictus e questa mattina il Milan ha diffuso il comunicato secondo cui il calciatore verrà sottoposto nei prossimi giorni a un piccolo intervento di cardiochirurgia interventistica (chiusura del forame ovale).

Galleria di immagini: Antonio Cassano, le foto

La notizia dei problemi di salute di Antonio Cassano non ha lasciato indifferente  praticamente nessuno, al di là del mondo del calcio e dei tifosi, tra i quali le donne sono sempre più numerose.  Ma le ultime notizie sono rassicuranti, quello di domani sarà un intervento non invasivo ma necessario, che non esclude un possibile ritorno del campione sul campo da calcio.

«Cassano potrebbe tornare a giocare perché spesso l’ictus si risolve spontaneamente senza lasciare esiti, per fortuna. Probabilmente potrà tornare all’attività agonistica perché potrebbe essersi trattato di un ischemia cerebrale nel territorio meno interessato di solito da un ictus, cioè quello vertebro basilare. Spesso si tratta di ischemie transitorie che non lasciano conseguenze. La risonanza magnetica encefalica se è negativa aumenta le probabilità di una rapida guarigione e di un ritorno alla vita normale».

Ad affermarlo è Giuseppe D’Alessandro, fondatore di Alice Ictus, associazione nazionale per la lotta all’ictus e neurologo all’Ospedale Parini di Aosta. Antonio Cassano sarà operato probabilmente domani o nella giornata di venerdì, per scongiurare il pericolo di un nuovo malessere.

Tante le visite che ha ricevuto in questi giorni: l’a.d. del Milan Adriano Galliani, Barbara Berlusconi, Lapo Elkann, Ilary Blasi, Pazzini, Materazzi, Pato per citarne alcuni. Anche il presidente della Figc, Giancarlo Abete si è recato al Policlinico e ha dichiarato:

«La cosa più importante è la sua pronta e completa guarigione poi quando sarà sarà. A noi interessa che Antonio stia bene, lo seguiremo e manterremo un costante contatto con il club e faremo ciò che va fatto in primis nell’interesse e nella tutela di Antonio: la salute viene prima di tutto, il resto va in coda. L’ho trovato bene, gli ho portato l’abbraccio e il saluto mio della Federazione e della Nazionale, l’ho trovato bene e mi sembra importante che sia stato individuato il suo problema medico. Cassano è in buone mani, l’assistenza che gli è stata fornita dal Milan è stata eccezionale».