Sapere come conservare frutta e verdura nella maniera più corretta è importante affinché questo cibo fresco e delicato mantenga tutte le sue proprietà organolettiche, compresi gusto e consistenza, per più tempo possibile.

Non tutta la frutta e la verdura, infatti, si conserva nella stessa maniera, e alcune delle abitudini che abbiamo possono risultare degli errori fatali per una conservazione ottima.

Ecco, allora, i consigli più utili su come conservare frutta e verdura.

  • Fuori dal frigorifero. Banane, patate, limoni e lime devono essere conservati fuori dal frigorifero, in un luogo fresco e asciutto. Aglio e cipolle vanno conservati a temperatura ambiente (o più fredda) in una zona ben ventilata. Da tenere fuori dal frigo per evitare alterazioni di consistenza e sapore anche i pomodori, che non devono essere lavati se non prima dell’uso e consumo, né congelati perché assumerebbero una consistenza farinosa sgradevole e perderebbero l’aroma.
  • I cassetti del frigo. I cassetti del frigorifero destinati a frutta e verdura aiutano a proteggere i prodotti e a mantenere l’umidità per far durare la freschezza più a lungo: se presenti nel vostro modello di frigo utilizzate quelli.
  • Le verdure. La melanzana va male rapidamente e deve essere utilizzata entro un paio di giorni dall’acquisto e conservata in un luogo fresco; gli asparagi devono essere conservati in frigorifero con un tovagliolo di carta umido intorno ai gambi o in un bicchiere d’acqua fredda con un tovagliolo di carta umido avvolto intorno le cime per mantenerli croccanti (si manterranno così al meglio per un paio di giorni); i funghi possono essere conservati in un luogo fresco e asciutto e devono essere lavati solo prima dell’uso. Le carote devono essere pelate solo prima dell’uso e possono essere conservate in frigorifero in un sacchetto di plastica per mantenere l’umidità.
  • Insalata delicata. Per conservare l’insalata più a lungo è opportuno lavarla in acqua fredda, asciugarla e conservarla in un contenitore in frigo intervallata da carta assorbente e coperta con pellicola da cucina o un coperchio ermetico.
  • La frutta. Il melone a temperatura ambiente matura molto in fretta, del resto in frigo può assumere una consistenza gommosa in breve, dunque meglio consumarlo in fretta. La maggior parte dei frutti di bosco va a male rapidamente, meglio dunque tenere in frigo mirtilli fragole e lamponi e lavarli delicatamente solo prima del consumo. Mango, prugne, pesche e pere possono maturare a temperatura ambiente in un sacchetto di carta. Le mele si possono conservare in un luogo asciutto e buio.
  • Congelare le verdure. Le verdure dovrebbero essere scottate per qualche minuto prima di essere congelate, anche se per le carote, i pomodorini, i fagioli freschi, i piselli o le pannocchie di granoturco fresche questo non è necessario. Si conservano per massimo 12 mesi porzionate in barattoli ermetici o sacchetti per congelare.
  • Congelare la frutta. Fragole, mirtilli, lamponi e ribes si conservano agevolmente in congelatore; la frutta più grossa va privata di nocciolo o torsolo e tagliata in pezzi e congelata in sacchetti o in contenitori ermetici. Gli agrumi vanno sbucciati e tagliati in pezzi, anche se sarebbe meglio congelarne solo il succo.