I funghi sono i protagonisti della stagione autunnale, e le tante varietà che ne arricchiscono la categoria favoriscono una scelta varia ma sempre nutriente e diversificata. Quelli che possiamo reperire in commercio, o se esperti attraverso una raccolta certosina nei boschi, forniscono al nostro corpo un valore nutritivo importante.

Contengono una buona percentuale di vitamina B1 e B2, di sali minerali quali rame, ferro, potassio, quindi una discreta quantità di proteine vegetali, fibre e una percentuale molto bassa di grassi. Ideali come contorno o parte integrante di piatti principali, sono molto apprezzati dagli amanti della buona {#cucina}. In particolare per il sapore e la consistenza, che si può declinare attraverso svariate ricette e proposte sempre varie. Ma per gustarli al meglio è indispensabile pulirli nel modo giusto.

Prima di cucinarli si taglia la parte finale del gambo dove vi è maggiore concentrazione di terriccio, quindi li si pulisce rapidamente con un panno umido o spazzolandoli accuratamente con un pennello a setole rigide. Non si devono mai lavare sotto l’acqua corrente, ma solo in caso di necessità e di sporcizia eccessiva. Il passaggio sotto l’acqua dovrà essere rapido e veloce, e solo in caso di presenza di larve si potranno immergere per poco tempo in acqua e sale girando le lamelle verso il basso.

Sconsigliato il getto d’acqua nel caso vogliate friggerli, potrebbero assorbirne troppa diventando mollicci e gommosi. In ogni caso è sempre consigliato asciugarli tamponando delicatamente con un panno di cotone pulito, in modo da eliminare l’eccedenza. Tendenzialmente potete conservarli fino a un massimo di sette giorni, ma l’ideale è quella di consumarli in giornata. Più saranno freschi, specialmente se appena colti, più il gusto sarà intenso e la polpa morbida e carnosa.

Per le ricette e il modo di gustarli lasciate spazio alla vostra fantasia: dall’antipasto di funghi tagliati a fettine sottili con olio, limone, pepe e un parmigiano in scaglie fino al classico risotto. Dalla crema di funghi calda per scaldare le fredde sere autunnali, a un primo con panna, magari di soia che è più leggera, pepe e prezzemolo. Ottimi anche come contorno con sughi semplici di pomodoro e sale, oppure da accompagnare a un classico della tavola: la polenta. Gustosi trifolati con olio, aglio e prezzemolo tagliato finissimo o in insalata con lattuga, noci e grana.

I funghi sono un i compagni ideali di ogni ricetta, eccellenti anche in conserva, arrosto con patate o in salsa per le vostre bruschette vegetariane. L’ideale come sempre è quello di non eccedere perché potrebbero appesantire la digestione e il fegato, in particolare se molto unti e vittime di intingoli grassi. Favoritene il gusto e il sapore scegliendo una ricetta semplice, leggera ma assolutamente gustosa.

Fonte: Mangiare Sano