L’ordine dei libri sugli scaffali non sempre è casuale: se, infatti, da una parte ci sono persone che inseriscono i volumi nella libreria di casa semplicemente in ordine di acquisto o appunto casuale, c’è tutta un’altra serie di amanti dei libri che preferisce ordinarli o riordinarli secondo uno schema ben preciso.

Ai più disordinati o distratti questi ultimi potrebbero sembrare affetti da un qualche disturbo ossessivo-compulsivo che impone di avere tutto sotto controllo intorno a sé, oppure dei fanatici dell’estetica.

Tuttavia i modi di tenere in ordine i libri sugli scaffali sono molti, ed ognuno è capace di dire qualcosa sulla persona che lo fa proprio. Vediamo, allora, caso per caso, cosa dice di voi l’ordine dei libri sugli scaffali di casa.

  • In ordine alfabetico. Siete i più tradizionalisti tra i lettori e probabilmente la vostra biblioteca è piena di classici. Forse avete bisogno di consultare spesso i vostri libri o semplicemente vi piace troppo trovare in pochi secondi un titolo quando vi viene in mente: del resto, perché sovvertire un ordine che vige da secoli nelle biblioteche di tutto il mondo?
  • Per argomento. Siete persone molto pratiche, attive, sempre in movimento, per questo i vostri libri sono divisi per argomento: quando dovete approfondire una materia potete trovare tutto il materiale utile a portata di mano.
  • Per casa editrice. Radical chic: i vostri libri sono ordinati così un po’ perché conoscete la storia di ogni casa editrice e non vorreste mescolare autori di mondi troppo diversi tra loro, un po’ perché è un modello esteticamente valido, che raggruppa profili simili, un po’ perché fa chic.
  • Per colore. Il design, la grafica, i colori Pantone sono la vostra passione e avete trasformato la libreria in una meravigliosa tavolozza che lascia ogni volta gli ospiti a bocca aperta. Tracce di mania riscontrate.
  • Con taglio davanti a vista. La perfezione è il vostro scopo in ogni campo della vita e la libreria non può e non deve esserne esente: avete così posizionato tutti i libri con il taglio davanti a vista e la costa dietro. La libreria è un’unica parete di bianco perfetta. Nessuno potrà leggere i titoli, voi del resto sapreste trovare qualsiasi libro anche così, ma non ne avrete mai bisogno perché ricordate alla perfezione tutto quello che avete letto.
  • In pile verticali. Siete ultra glamour e, che si tratti di scarpe o di libri, non perdete una tendenza. Così, quando avete iniziato a vedere nelle riviste di design le pile di libri qua e là su librerie, scaffali, mobili ma anche a partire dal pavimento, avete seguito l’esempio e vi siete innamorate del “nuovo” ordine.
  • In una cartella di file sul tablet. La tecnologia è la vostra passione e i libri sono in ordine alfabetico nella loro cartella sull’e-reader: non potrebbero avere ordine più perfetto.