Arredare la casa significa dargli quel tocco di esclusività e intimità capace di far esplodere l’anima del padrone di casa e per permettere agli ospiti di inoltrarsi nella mente e nella fantasia di coloro che ospitano e di entrare nella loro idea di design casa. Arredare, dunque, non è solo sinonimo di disposizione degli arredamenti, bensì comprende in se anche la scelta dei prodotti e la decorazione, quanto più personale possibile di ogni spazio.

Le idee, a tal proposito, sono numerose e quanto più variegate; per questo, per raccogliere il più possibile le possibilità, è riportata una breve lista sul design casa per assecondare ogni palato.

  • Arredamento New Classic. Questo stile di arredamento è, sicuramente, tra i più raffinati. Prendere spunto ed idee dall’arredamento New Classic significa lasciarsi lambire e corteggiare dalle linee classiche dell’arredamento italiano e morbide, da soffitti in legno e da elementi dal sapore familiare ed accogliente. Per dare alla casa questo tocco è importante concentrare i propri sforzi sugli elementi del salone, della sala da pranzo e della camera da letto, alcuni degli ambienti più esclusivi. Per esempio, rientra in questo mood, il classico tappeto rotondo, magari dalle sfumature del beige, sovrastato da un tavolo di legno chiaro e sedie dello stesso materiale dall’imbottitura panna. Il tavolo può essere arricchito di un vaso in vetro con fiori di cera color salmone che donano piacevoli sfumature all’ambiente. Per riuscire ad immaginare bene lo stile, basti pensare all’arredamento dell’Eltham Palace.
  • Arredamento Minimal. Sempre più diffuso, lo stile minimal si caratterizza per l’essenzialità e la spazialità, nonché per un abile gioco delle prospettive e della profondità dell’ambiente: ogni elemento di arredo deve essere posizionato in maniera tale che sia in grado, in maniera minimale, di assecondare ogni necessità e bisogno. Un’idea per arredare la casa seguendo questa corrente di pensiero può essere quella di privare le pareti di ogni forma di decoro e tingerle interamente di bianco; anche il pavimento deve essere caratterizzato da tonalità neutre o minimal. La cucina, ad esempio, può essere realizzata con un unico piano in acciaio industriale, che innesti anche elementi in vetro e trasparenze, così da lasciare scoperti gli spazi di lavoro. Oltre ai piani di lavoro, cottura, lavaggio, può essere aggiunto un tavolo alto semplice, dello stesso materiale scelto per l’arredamento, accompagnato da sgabelli girevoli bianchi.
  • Arredamento Eclettico. Divertente, scherzoso, allegro: l’arredamento eclettico asseconda i gusti e le necessità di tutti coloro che, nella vita, sono di natura solare e dinamica, sempre in moto con il corpo e con la fantasia. Questo stile va a braccetto con la libertà di espressione, senza alcun tipo di imposizione esterna: si può decidere di dipingere una parete di un colore diverso dalle altre o di decorarla con una carta da parati accesa. Ciò che più conta in questo tipo di scelta è l’illuminazione, che diventa fondamentale per far si che ogni cosa abbia la giusta luce ed il giusto risalto. Ad esempio, si può optare per quei lampadari in balsa caratterizzati dalla sola ossatura e senza filtri per la lampada, che in questo modo diffonde in maniera omogenea e piacevole la luce.
  • Arredamento d’autore. È, tra i quattro tipi di arredamento presentati, sicuramente quello che richiede più dispendio economico. Lo stile d’autore richiede la capacità e, soprattutto, la coerenza del padrone di casa nel rispettare ogni singolo elemento di arredo scelto. I pezzi, disposti con cura, dovranno essere, in linea di massima, di pari “livello”, ovvero realizzati da aziende di spiccata importanza nel mondo dell’arredamento. Tuttavia, ciò che più colpisce in questo stile, è la capacità di alcuni nell’abbinare pezzi dell’Ikea a prodotti di lusso, creando un ambiente familiare ed allo stesso tempo raffinato. Per emulare questo stile di arredamento, uno dei cardini è il divano in pelle abbottonata, che sia in grado di mettere in evidenza la preziosità della stanza.