La pausa pranzo può essere dedicata a uno degli obiettivi che più ci assillano: dimagrire.

Se la propria vita è frenetica, si lavora tutto il giorno, si esce tardi, non si ha più tempo per far nulla e si deve badare alla famiglia, allora la pausa pranzo è l’unico momento per un po’ di sana attività fisica che permetta di dimagrire.

=> Scopri come combattere lo stress da lavoro in pausa pranzo

Quei sessanta minuti di pausa sono preziosissimi: ma come fare ad andare in palestra, farsi la doccia e mangiare? Innanzitutto, se si opta per una palestra, bisogna che sia vicina al luogo di lavoro. Inoltre, meglio non iscriversi ad alcun corso particolare (tutti della durata di un’ora circa), ma occorre lavorare in sala con gli attrezzi. A quel punto, venti o trenta minuti di allenamento possono essere efficaci tanto quanto un’ora.

Una volta in palestra, gli esercizi da svolgere per un allenamento breve e mirato sono i cardio e i pesi. Per cominciare e riscaldarsi, dieci-venti minuti di macchine cardio a intensità media sono quello che ci vuole. Dieci minuti di tapis roulant andranno bene quando si è ancora agli inizi, venti minuti quando ormai si è abbastanza allenate. Dopodiché si fanno i pesi: occorre sempre sollevare i pesi giusti, senza esagerare. Importante, è variare gli esercizi, in modo tale che vengano sollecitati muscoli sempre diversi (quindi, bisogna fare esercizi che incidano, alternativamente, su bicipiti, tricipiti, pettorali). Se si sollevano pesi facendo squat o affondi, allora verrà messo in funzione anche il quadricipite.

Spesso, però, allontanarsi dal luogo di lavoro per andare in palestra diventa impossibile. Il problema è presto risolto: basta fare esercizi direttamente nel proprio ufficio. Si possono utilizzare come appoggi la scrivania e la poltrona, ma si possono anche portare da casa piccoli pesi e il tappetino.

Fare squat è fondamentale. Gli squat in ufficio, infatti, oltre a mantenere la forma fisica, permettono di rompere la posizione che si assume alla scrivania e di spezzare la routine della sedentarietà: sono indispensabili, quindi, proprio perché favoriscono la circolazione e la salute durante la giornata lavorativa.

Con i pesi si possono allenare bicipiti, tricipiti e pettorali. Col tappetino è possibile fare addominali e flessioni. Importante è sempre fare stretching alla fine di ogni sessione ginnica.

E il pranzo? Se la pausa viene occupata dal fitness come e cosa mangiare? Bisogna sempre mangiare dopo l’allenamento, mai prima. Le proteine sono ideali se ingerite un paio d’ore prima di iniziare gli esercizi e, proprio a ridosso del fitness, basta mangiare un cucchiaino di miele.

Fonte: Health and Fitness Travel