Se siete tormentati dall’antiestetico problema del doppio mento, sappiate che da oggi potrete liberarvene grazie ad un farmaco, senza dover ricorrere a interventi chirurgici. Il trattamento regolatore Kybella, infatti, che viene iniettato direttamente nel grasso in eccesso, è stato appena approvato negli Stati Uniti dalla Food & Drug Administration ed è pronto per essere immesso sul mercato a beneficio delle persone con un doppio mento prominente. Questo trattamento per adulti contiene acido desossicolico, una molecola naturalmente prodotta dal corpo che distrugge il grasso.

Kybella è un farmaco citolitico, che quando iniettato nel tessuto distrugge fisicamente la membrana cellulare. Se correttamente iniettato nel grasso sotto al mento, distrugge le cellule adipose; tuttavia, se non iniettato nella maniera giusta rischia di distruggere altri tipi di cellule, come quelle della pelle. Come spiega Amy G Egan, vice direttore dell’Ufficio del Drug Evaluation III della FDA:

Il trattamento con Kybella può essere fornito solo da un medico professionista autorizzato, e i pazienti devono comprendere pienamente i rischi associati all’uso del farmaco prima di considerarlo. È importante, poi, sapere che questo farmaco può essere somministrato solo in caso di grasso sotto al mento. Il permesso non è stato convalidato al di fuori di questa zona.

La FDA afferma che per raggiungere il risultato ottimale ed eliminare il doppio mento si possono effettuare fino a 50 iniezioni a trattamento, con un massimo di sei trattamenti a persona da somministrare con almeno un mese di distanza l’uno dall’altro. Il farmaco viene fornito in singoli flaconi e non deve essere diluito o miscelato con altri composti.

La sicurezza e l’efficacia del Kybella per il trattamento del doppio mento sono state stabilite con due studi clinici che hanno coinvolto 1.022 partecipanti adulti con grasso moderato o grave. I pazienti sono sono stati assegnati in modo casuale al trattamento con Kybella o a un placebo, per un massimo di sei trattamenti. I risultati hanno mostrato che la riduzione del grasso è stata osservata più frequentemente nei partecipanti che hanno ricevuto il farmaco rispetto al placebo.

Il trattamento Kybella, però, potrebbe causare in alcuni casi gravi effetti collaterali, tra cui lesioni nervose nella mandibola e conseguente sorriso irregolare o debolezza muscolare facciale e difficoltà a deglutire. Gli effetti indesiderati più comuni comprendono invece gonfiore, bruciore, dolore, intorpidimento, rossore e turgidità nella zona di trattamento.

Il farmaco non dovrebbe essere usato se c’è un’infezione in  corso nella zona dell’iniezione, e deve essere somministrato con cautela anche nei pazienti che hanno avuto un trattamento chirurgico o estetico nell’area interessata. Kybella viene distribuito – per ora solo negli Stati Uniti – in una confezione con ologramma sull’etichetta del flacone. Se non è presente, il prodotto non va utilizzato.