Fantastic Mr. Fox” è il primo film d’animazione diretto da Wes Anderson, noto per “I Tenenbaum” e “Il treno per il Darjeeling”, ed uscirà al cinema oggi.

Il film è girato completamente in stop-motion e si basa sull’omonima favola per bambini scritta dall’autore inglese Roald Dahl.

“Fantastic Mr. Fox” ha conquistato la critica d’oltreoceano, arrivando anche tra le nomination agli Oscar, ma non è riuscito a ottenere un buon successo di botteghino.

Mr. Fox è una volpe elegante e molto intelligente, il suo lavoro è rubare galline, ma dopo la nascita del primogenito e su richiesta dell’amata moglie, Mr. Fox decide di cambiare lavoro e fare il giornalista.

La Signora Fox dipinge e accudisce la casa, mentre il figlioletto Ash, schiacciato dalla popolarità del padre, risulta un disadattato. Con loro vive anche il nipotino Kristofferson, loro ospite temporaneo.

Un giorno la famiglia Fox trasloca e va a vivere dentro un grande albero in cima alla collina di fronte agli stabilimenti dei fattori più cattivi della zona: Boggis, Bunce e Bean. Il Signor Fox allora riscopre la sua natura selvatica e decide di saccheggiare i tre fattori. L’impresa riesce ma i tre fattori cattivi decidono di dargli la caccia. La vendetta dei fattori è spietata e mette a repentaglio non solo la sua amata famiglia ma tutti gli animali del sottosuolo. Così Mr Fox dovrà elaborare un nuovo e geniale piano per salvare tutti.

Tra gag divertenti e filastrocche musicali, la morale è che ognuno di noi, anche se di diverso colore o razza, è speciale e che solo lavorando tutti insieme si può vincere.

Il regista Wes Anderson, con questo film, ci racconta una favola e decide di farlo con la tecnica dello stop-motion, andando controcorrente rispetto alle ultime tendenze che invece preferiscono l’alta tecnologia. I pupazzi, colorati e curati nel dettaglio, affollano la scena creando un mondo immaginifico, dove tutto è musica e colore.

Il film così ha un sapore antico, delle fiabe di una volta, quelle in cui la storia risultava più importante del disegno stesso.

Bellissime risultano anche le musiche: da Jarvis Cocker (ex-cantante dei Pulp) a George Delarue, oltre ai Rolling Stones e i Beach Boys.

Il giovane regista americano, al suo primo film d’animazione, esordisce con la stessa autoironia e linearità che lo contraddistingue, regalando al suo pubblico una favola dal sapore antico che emoziona e diverte.