Il fitness fai da te, senza l’aiuto di un esperto o di un istruttore, può essere facilmente pericoloso per la salute. Coloro i quali non hanno mai frequentato una palestra, o non sono esperti di fitness, pensano di poter smaltire i grassi in eccesso semplicemente sforzandosi o sudando.

Non è sempre vero che qualsiasi sforzo fisico brucia grassi: molto spesso, gli esercizi scelti in autonomia sono dannosi alla salute, così come la modalità di svolgimento degli esercizi consigliati. In altre parole, esagerare con l’esercizio fisico non migliora la forma fisica, ma addirittura rischia di peggiorare la situazione.

Galleria di immagini: Fitness

Ad esempio, eseguire esercizi fisici subito dopo l’influenza ci fa male: i virus della comune influenza infiammano il miocardio e, se si sforza il cuore durante l’attività fisica, le conclusioni potrebbero essere anche tragiche.

Bisogna quindi evitare il cardiofitness e stare attenti a sintomi come palpitazioni, cuore in gola, mancanza di respiro. Inoltre, è bene fare attenzione all’innalzamento della pressione sanguigna, che talvolta può creare non pochi problemi.

Esercizi fai da te come il “Tyre Flip“, che consiste nel sollevare di peso uno pneumatico e ribaltarlo al suolo, possono essere davvero pericolosi per schiena e gambe, soprattutto se eseguiti a freddo e senza allenamento costante.

Dopo l’attività fisica, è bene fare una doccia calda, e non fredda, in quanto la doccia gelata dopo un’attività fisica non migliora il dimagrimento ma è sconsigliata dato l’altro rischio di congestione. È consigliabile mantenere gli indumenti sportivi per un quarto d’ora per smettere di sudare e poi ambientarsi sotto la doccia usando acqua calda o tiepida.

Circa due ore prima dell’attività fisica, è consigliabile assimilare zuccheri attraverso la frutta: è un errore, infatti, svolgere attività fisica a stomaco vuoto. Inoltre, non è necessario cambiare le quantità di cibo da assumere se si incrementa di poco l’attività svolta.

È assolutamente da evitare lo sport intensivo in caso di una dieta dimagrante, poiché il sacrificio di una dieta ipocalorica, se accompagnato dall’attività fisica, finisce per danneggiare e debilitare il fisico in quanto le calorie assunte risulterebbero essere inferiori al fabbisogno giornaliero.

Insomma, è necessario fare attenzione e non strafare: bisogna stare attenti a non credere ai consigli provenienti da gente inesperta e a quelle che sono vere e proprie “credenze popolari”. È vero che l’attività fisica può essere considerata come una “terapia medica”, ma gli effetti collaterali non vanno affatto sottovalutati.