La critica televisiva, quest’anno, ha preso di mira l’undicesima edizione del Grande Fratello: anche secondo i telespettatori più fedeli, questa potrebbe rivelarsi la peggiore annata del reality show di Canale 5.

A difendere il programma è intervenuta anche la conduttrice Alessia Marcuzzi, che con la sua parlantina spigliata ha spiegato che in realtà le cose non sono come sembrano:

“Quest’anno abbiamo voluto dare un segnale affinché non si dica che ogni anno il GF è peggio degli altri anni”.

In poche parole, nel cast del programma erano stati inseriti i cosiddetti “bravi ragazzi” ma, una volta finiti in nomination, il pubblico avrebbe preferito gli altri concorrenti.

Ancora una volta, secondo la Marcuzzi, il personaggio accattivante è colui che infrange le regole:

“Ci chiedono sempre bravi ragazzi, laureati, non aggressivi, che non abbiano un’immagine volgare, ma gli autori devono dare uno spaccato della nostra società. Noi li mettiamo i ragazzi laureati, ma poi vengono eliminati dal pubblico… Il pubblico vuole vedere il concorrente ruspante, quello buffo, che non sa parlare bene l’italiano. Perché si ride di più”.

Quest’anno si sono registrate un elevato numero di volgarità e, quindi, sono stati espulsi tre concorrenti per aver imprecato e offeso il pubblico cattolico. Nonostante lo spettacolo negativo che la trasmissione continua a dare ai telespettatori, lo share è sempre elevato e la Marcuzzi non teme confronti con l’Isola dei Famosi:

“Non sono preoccupata, noi continuiamo così. Mi dispiace solo che il lunedì sera ci siano due reality, nella contro-programmazione a volte lo spettatore non ha la possibilità di vedere cose diverse”.