Dopo il successo de “Il pranzo di Ferragosto”, il regista romano Gianni Di Gregorio ritorna sul grande schermo con una nuova commedia agrodolce, “Gianni e le donne”, come vi abbiamo annunciato qualche giorno fa.

Il film, che uscirà l’11 febbraio, sarà presentato al Festival di Berlino, fuori concorso, nella sezione Speciale. La storia si ambienta a Roma, dove Gianni è un sessantenne in pensione da molti anni. Fragile e timido, Gianni trascorre le sue giornate a soddisfare le richieste delle donne della sua vita: una moglie poco presente, una madre egoista che vive al di sopra delle sue possibilità, una figlia impegnata tra fidanzati ed esami di maturità, una vicina di casa che lo provoca sensualmente.

Galleria di immagini: Gianni e le donne

In piena crisi ormonale, Gianni cerca di riconquistare quella frivolezza e sensualità giovanile che non gli appartiene più, scoprendo suo malgrado di essere un sessantenne qualunque che può solo passeggiare il suo cane.

Il film risulta una commedia pulita, delicata che riflette sulla solitudine ed i problemi della terza età. Nonostante questo importante tema, il film si risolve in una macchietta mal riuscita.

La sceneggiatura non risulta articolata ed i personaggi stessi non delineati. Inoltre, quanto di positivo si poteva trovare nel primo film del regista e protagonista De Gregori, tanto scompare in questa nuova commedia.

La videocamera sembra fissa sul protagonista, quasi fosse un video amatoriale. Manca la ricercatezza, la spontaneità e l’originalità. Gli interpreti stessi sembrano leggere dal gobbo le loro battute, mentre il montaggio zoppica e la pellicola risulta così frammentaria. Il ritmo diventa snervante e l’intero film risulta senza alcun fondamento. “Gianni e le donne” è una pellicola che cerca un suo perché, senza però trovarlo.

Del cast fanno parte anche Valeria de Franciscis Bendoni, Alfonso Santagata, Elisabetta Piccolomini, Valeria Cavalli, Aylin Prandi, Kristina Cepraga, Teresa Di Gregorio, Lilia Silvi e Gabriella Sborgi.