Ispirandosi alla collezione di Alta Moda Gucci Première presentata al Festival del Cinema di Cannes nel 2010, Frida Giannini, ex direttore creativo di Gucci, decise di creare un profumo in grado di incarnare l’essenza più pura degli abiti: nacque così Première, una fragranza destinata a diventare, in brevissimo tempo, una delle colonne portanti dell’industria olfattiva della Maison.

A spalancare le porte della fragranza sono i fiori d’arancio e il bergamotto: i giochi aspri e aciduli classici degli agrumi si innestano, con incredibile fascino, al cuore di fiori bianchi e muschio che ne determinano le pennellate di sensualità e di ricercatezza. Le sinfonie olfattive si muovono, agilmente, su un sottofondo melodico di cuoio e legno, che innalzano un canto caldo e soave, avvolgente e accattivante.

La fregranza, raccolta in un flacone essenziale che riunisce in se tutti i simboli più noti della Maison, è lambita dal nastro di Gucci riprodotto con nuance metalliche tono su tono. Il morsetto iconico è nascosto dalla confezione sontuosa arricchita dal motivo a G dorare intrecciate, firma del fondatore Guccio Gucci. L’atmosfera che, nel complesso, viene generata è senza dubbio opulente, calda e di assoluta eleganza.

Per accompagnare e incarnare la fragranza è stata scelta l’immagine della bellissima Blake Lively, icona moderna e testimonial della campagna; in questo modo il profumo esprime, senza dubbi, la disinvoltura e la femminilità della donna Gucci contemporanea.