Sebbene Halloween sia una ricorrenza prettamente americana, per via della globalizzazione non esiste più il cittadino con la propria storia vincolata alle tradizioni, usi e costumi del proprio Paese: la globalizzazione trasforma culture locali in mondiali.

Nell’aria macabra che si respira in questi giorni per via della festa di Halloween, probabilmente la più famosa d’America, volendo celebrare l’evento in Italia si potrebbero visionare un innumerevole quantità di luoghi in cui occulto e contatto con l’aldilà sono i sovrani.

Galleria di immagini: Luoghi più tenebrosi d'Italia per Halloween

Per quanto riguarda l’argomento “Angeli e demoni”, “Il trono del diavolo” potrebbe essere un’ottima meta per i turisti più tenebrosi. Nella profonda Piacenza, precisamente ad Albano di Lucania, si narra che una roccia dalla forma di un essere demoniaco sia stata costruita dal diavolo in persona. Si esclude che sia opera dell’uomo a causa dell’altezza in cui la “panchina del diavolo” è situata: a circa 2 metri dal suolo, scavata sulla roccia stessa. Inoltre il fatto che tale monumento sia ancora ben squadrato esclude l’ipotesi dei fenomeni atmosferici. Infine la croce latina incisa sul “capo del diavolo” avvale la tesi iniziale di un monumento demonizzato.

Un luogo ricco di sinergia e scuotimento dei sensi è sicuramente “Il parco dei mostri” a Bomarzo. Si tratta di un percorso dal basso verso l’alto dove, nella vetta più in cima, vi è il raggiungimento dell’armonia dei sensi. Tra sculture maestose e allo stesso tempo spaventose, si attraversa un’incredibile viaggio nel simbolismo e nella purificazione dello spirito.

“Lasciate ogni pensiero voi ch’entrate”.

Così spiega la dicitura sull’agghiacciante bocca dell’Orco, che invita il viandante a liberare la mente da ogni calvario. Proseguendo tra cerberi, ninfee e una casa pendente, si arriva nel punto più alto fisicamente e teoricamente più elevato dello spirito per via di un percorso incentrato sulla tenacia e la fede del pellegrino.

Infine, si trova a Moncalieri (TO) Il castello più infestato d’Italia: il castello della Rotta, ovvero “della sconfitta”, per via delle numerose lotte fallaci che vi ebbero luogo. La leggenda prevede un cavaliere con la croce al collo che vaga, in sella al suo fedele destriero, all’interno del castello, in cerca del suo amore eterno: una principessa che non poté avere in sposa in quanto uccisa dal suo promesso sposo che non voleva accettare in quanto innamorata del primo. Si narra, tramite testimonianze viventi e passate, che tale cavaliere corre tutt’ora al fianco di altri spiriti (frati, suore, monaci, soldati, cavalieri) tra una stanza e l’altra del castello. E chissà se anche in questo {#Halloween} una visita non la farà.

Fonte: LuoghiMisteriosi