Sara Tommasi ancora al centro di polemiche. Stavolta sembra ci sia stata una nuova ondata di giusta empatia nei suoi confronti. Questo dopo il servizio di Sabrina Nobile a Le Iene, andato in onda ieri: la Tommasi è stata intervistata in due periodi differenti della sua vita, appena prima di girare Sara Contro Tutti, il giorno stesso per la precisione, e poi in questi giorni, dopo la presentazione del libro della soubrette Ora Parlo Io.

=>Scopri il racconto su droga e sesso di Sara Tommasi

Galleria di immagini: Sara Tommasi porno

La Rete si schiera a favore di Sara Tommasi, mostrata nella prima parte del filmato in uno stato visibilmente alterato: cerca di baciare l’inviata de Le Iene, la guarda fissa negli occhi, è sembrata incoerente e afferma di essere agitata. Già da tempo Alfonso Luigi Marra, avvocato della Tommasi, sta sostenendo che la soubrette fosse stata drogata per girare il film e probabilmente quest’intervista ne rappresenta la prova: la giovane appare priva di lucidità e in certi tratti sembra addirittura spaventata.

Secondo il popolo di Internet, Le Iene non avrebbero dovuto mostrarla in quel modo e Marra pare abbia rincarato spiegando che la Nobile, pur essendo lì, non ha fatto nulla per aiutare la Tommasi. La Nobile però non ha preso parte alle riprese, perché è stata interdetta dalle scene, quindi non è ben chiaro come avrebbe potuto aiutarla. Dall’esterno, la Tommasi avrebbe potuto aver assunto qualunque sostanza – dal semplice e legale alcol a qualche ansiolitico – e chiunque potrebbe aver pensato che si trattasse di semplice nervosismo dovuto al debutto in un ambito di carriera così singolare.

=> Scopri il sequestro del secondo porno con Sara Tommasi

Tutta la storia comunque ora è in mano della legge, dato che ci sono numerose denunce e controdenunce, per cui per sapere cosa effettivamente sia successo su quel set si dovranno attendere i tempi della giustizia. Anche se, forse, questo filmato fa propendere l’opinione pubblica a favore di quanto sostiene la Tommasi e il suo legale.

Per vedere il servizio delle Iene, è possibile collegarsi al sito Mediaset.

Fonte: La Nazione.