Nel corso della seconda puntata de “L’Isola dei Famosi” Simona Ventura ha annunciato l’ingresso, previsto per mercoledì prossimo, di quattro new entry, sotto una categoria tutta nuova: “I Figli di“.

I quattro nuovi naufraghi saranno Daniele Battaglia, figlio di Dodi; Guenda Goria, figlia di Amedeo Goria e Maria Teresa Ruta; Roberto Fiacchini, figlio adottivo di Renato Zero e Manuela Boldi, figlia del comico e attore Massimo.

oneTiVu ha incontrato la bella e simpatica Manuela Boldi, per quattro chiacchiere alla vigilia della sua partenza per il Nicaragua.

Gli spettatori de “L’Isola dei Famosi” stanno per conoscerti come “figlia di”, ma in realtà è già da qualche anno che ti muovi con grazia nel mondo dello spettacolo. Puoi raccontarci quello che hai fatto fino a oggi?

Ho iniziato 5 anni fa come VJ per il canale satellitare di RTL 102.5. Il passo da vj a speaker radiofonica è stato immediato e per 3 anni ho vissuto le emozioni che solo la radio può darti. Sono passata poi alla conduzione TV con “The Box Game”, insieme ad altri ragazzi facevamo dirette notturne pazzesche che tutt’oggi porto nel cuore. Una grande scuola. L’anno seguente è arrivato lo show di Italia 1 “Saturday night live”, che mi ha permesso di cimentarmi come attrice in gag comiche divertentissime. Da qui poi l’occasione di girare una fiction: è infatti imminente la messa in onda della fiction Mediaset “I Fratelli Benvenuti”, che mi vede interpretare una barista in coppia con Valeria Graci.

Cosa ti ha spinto ad accettare di far parte dell’Isola?

L’Isola quest’anno vuole vedere come i “figli di” se la cavano in condizioni estreme di sopravvivenza. Si chiedono quanto saremo capaci, visto che siamo sicuramente abituati a una vita agiata. La mia sfida è proprio questa: dimostrare che il figlio di un personaggio famoso non è sempre viziato. Io sono una persona come tante altre. Di cognome faccio Boldi e ne vado fierissima, ma per tutti io sono “La Manu”.

Che rapporto hai con tuo padre? Ti appoggia nelle tue scelte professionali? E in generale come vivi il fatto di avere un papà famoso?

Avere un papà come il mio è una grande fortuna. È sempre stato un papà fuori dalle righe. Certo, a mettermi in castigo per un brutto voto o a venirmi a prendere a scuola ci ha sempre pensato mia madre. Non c’è stato giorno però in cui il mio papà speciale non sia stato presente nella mia vita e in quella delle mie sorelle. Ogni volta che è lontano da casa, la prima cosa che fa al mattino è chiamarci per chiedere come stiamo…e guai se stiamo ancora dormendo.

Mi ha sempre dato consigli preziosi sui lavori che mi vengono offerti. Sono molto fiera di lui, lo ammiro e lo stimo più di qualsiasi altra persona conosca perché si è fatto da solo partendo da zero, guadagnandosi tutto con tanta fatica. Ho imparato tanto da lui, forse tutto quello che so, a partire dall’umiltà per arrivare al non mollare mai.. spero di non deluderlo sull’Isola.