Cameron, il figlio trentasettenne di Michael Douglas, è finalmente uscito dal carcere dopo sette anni di detenzione. Il ragazzo fu arrestato nel 2009 in un hotel di New York con 500 grammi di ‘Crystal’, una forma purissima di metanfetamina, che aveva intenzione di spacciare e che prima del suo arresto aveva già accettato di vendere in parte per 15 mila dollari.

L’anno dopo fu condannato per possesso di eroina e commercio di anfetamine e, durante la sua detenzione, è stato addirittura costretto a trascorrere ben due anni in isolamento al “Maryland’s Cumberland Federal Corrections Institute”. Adesso il figlio di Michael Douglas ha lasciato finalmente il centro correttivo di Cumberland e sconterà il resto della sua pena in un centro di accoglienza.

Secondo quanto fa sapere una fonte vicina a Douglas junior citata dal “New York Post”, adesso il ragazzo è finalmente pronto a intraprendere una nuova vita ed ha intenzione di scrivere un libro sulla sua esperienza traumatica dietro le sbarre:

Cameron vuole trascorrere del tempo con il padre e la madre Diandra, e ritiene che questo sia un nuovo inizio, la possibilità di una nuova vita […]. Nel libro parlerà delle sue lotte interne essendo il figlio e il nipote di due icone di Hollywood e delle decisioni sbagliate che lo hanno portato in prigione.