Dal noir di Emporio Armani alla donna selvaggia di Roberto Cavalli. La quarta giornata di eventi della settimana dedicata alla moda per la prossima stagione autunnale e invernale ha visto sfilare in passerella alcune delle griffe made in Italy più apprezzate, compresa la maison di Emilio Pucci e Frankie Morello.

A fare da apripista è stata Bottega Veneta, che ha presentato la sua collezione caratterizzata da semplicità e linearità. Niente eccessi e ostentazioni, ma solo tagli sobri e colori luminosi, dall’oro al rosso vivo.

Galleria di immagini: Milano Moda Donna - quarto giorno

Ecco una sfilza di tubini lineari arancio e fuxia, che mantengono viva la tendenza ai colori fluo che impazzerà anche nella ormai vicina primavera. Alla lana tradizionale, il designer Tomas Maier ha affiancato tessuti più leggeri, come la seta lavata, chiffon e jersey di cachemire.

Seconda griffe protagonista del quarto giorno, Emporio Armani ha presentato la sua collezione autunno inverno 2011-2012 in Via Bergognone, che ha stupito per il carattere prettamente noir delle nuove creazioni. Nero e blu inondano cappotti, abiti e accessori, rendendo la donna dark, misteriosa, fasciata da tessuti come il velluto, il panno dalla texture opaca e il mongolia.

A parte qualche spruzzata di turchese nelle applicazioni, dominano quindi le tonalità scure e monocrome, usate anche nelle imponenti pellicce e nei pantaloni dal taglio maschile in pelle.

Jil Sander, invece, richiama la moda degli anni cinquanta nelle gonne a vita alta fino al ginocchio e nelle maglie che cadono dritte senza sottolineare le forme, proposte in una straordinaria varietà di colori accesi e fantasie floreali.

Grande attenzione e interesse ha destato la collezione di Roberto Cavalli, incentrata sull’esaltazione di tessuti pregiati e dell’oro, bronzo, argento, che hanno reso la donna un mix tra sensualità e look selvaggio. Le mise per il giorno sono corte, dalle tonalità chiare e gli effetti maculati, mentre gli abiti da sera sono long dress dal taglio asimmetrico e arricchiti di inserti inediti.

Per Emilio Pucci la linea donna si accompagna alla presentazione di una selezione di capi maschili, la “capsule collection” disegnata dal direttore creativo Peter Dundas.

“Stasera faremo sfilare 8/10 look dedicati a un’idea di uomo moderno che non è il fratellino, ma il degno compagno della donna Pucci. Un’idea che coltivavo da tempo e che parte dalla mia esigenza personale di uomo di trovare alcuni key elements del guardaroba maschile difficilmente reperibili sul mercato”.

I capi femminili sono composti da pantaloni di camoscio, abiti con profonde aperture sulla schiena e stampe fantasia: il motivo “Garuda”, che trae ispirazione dalla figura dell’uccello mitologico, non è inedito, mentre totalmente nuovo è il disegno di stelle alpine che Dundas ha intitolato “Heidi”.