È entrata nel vivo la Milano Fashion Week, che – dopo Gucci  – chiude la seconda giornata all’ex scalo Farini con la sfilata Autunno-Inverno 2018/19 di Moschino.

Jeremy Scott, dal 2013 direttore creativo della griffe milanese, abbandona gli eccessi delle ultime collezioni prêt-à-porter e presenta 62 look improntati a una maggiore vestibilità ma non per questo meno ironici: pochi come lo stilista arrivato dal Kansas hanno saputo interpretare in maniera tanto scanzonata la moda, giocando a vestire le sue donne in modo provocatorio più che provocante, all’insegna dell’assoluta libertà e del divertimento.

(Guarda anche: la sfilata di Gucci e i vip in front row da Gucci).

Sulla sua passerella, sospesa tra gli anni Sessanta e lo spazio siderale, hanno sfilato tailleur in lana bouclé in perfetto stile Jackie Kennedy, rivisti e corretti con la zip da biker e abbinati alla vernice: in splendidi colori saturi come il giallo, l’arancione, il fucsia e il viola.

Fonte: Instagram @moschino

Photo by Tristan Fewings/Getty Images for Moschino

Anche le eco-pellicce hanno toni accesi e inserti in vernice o dettagli di zip e bottoni, mentre il nuovo abito ha una stampa foulard di catene e simboli della pace.

Fonte: Instagram @moschino

Fonte: Instagram @moschino

Il bomber sportivo si veste di broccato e si indossa con la gonna corta e il top minimo.

courtesy: press office

Tra le modelle ormai feticcio di Scott, da Kaia Gerber alle due sorelle Gigi Hadid e Bella Hadid, appaiono aliene che sembrano atterrate direttamente da Marte, puntellando la sfilata con la loro pelle ora arancione ora verde, e poi blu, azzurra, viola e rosa.

Fonte: Instagram @moschino

Fonte: Instagram @moschino

L’asimmetria domina negli abiti da sera, in cui fanno capolino l’argento e il lurex. Sembrano capi diversi tagliati e ricuciti tra di loro: giganteschi fiocchi, silhouette monospalla, un solo guanto lunghissimo di vernice o di paillettes.

Photo by Tristan Fewings/Getty Images for Moschino

Splendido il long dress verde menta e argento che ha chiuso la sfilata: una gigantesca coda e il fiocco a formare una sorta di cul de Paris da Belle Époque.

Fonte: Instagram @moschino

Tra gli accessori, impossibile non notare le Mary Jane a punta di vernice coloratissime, da abbinare pendant con l’abito, e la deliziosa minibag a piramide, per gli outfit da sera.

Moschino Backstage/courtesy: press office

La capsule collection di stagione, Moschino Eyes, realizzata in collaborazione con l’artista australiano Ben Frost, mescola immagini stilizzate di volti femminili con disegni di caramelle, creando collage protagonisti di borsette e cover, tutti rigorosamente see now buy now.

Photo by Tristan Fewings/Getty Images for Moschino

Fonte: Instagram @moschino

Si può essere sexy ridendo? Jeremy Scott, con la sua nuova collezione Moschino, giura – ancora una volta – di sì.

Galleria di immagini: Moschino, sfilata Autunno-Inverno 2018/19, le foto