Anche le donne che decidono di portare il velo seguono la moda. Questo è il messaggio di Mariah Idrissi, 23 anni musulmana di Londra, che per la prima volta ha portato l’hijab in una campagna pubblicitaria di un marchio di moda fast-fashion. Sfogliando il profilo Instagram della ragazza, di origine pakistane e marocchine, non può che saltare all’occhio la sua indiscutibile bellezza, pur immortalandosi sempre con i capelli coperti dal velo che la sua religione impone alle donne.

Scelta dal famoso brand di H&M per il video che promuove il riciclo degli abiti, Mariah ha potuto partecipare al progetto grazie al permesso dei genitori. Sul set è stata trattata con il dovuto rispetto, tanto che le è stato assegnato un camerino privato, evitando qualsiasi contatto fisico con gli uomini. Stupita da un successo così immediato, adesso la ragazza musulmana è orgogliosa di essere diventata un modello di riferimento per le coetanee della sua religione, facendosi portavoce di un messaggio importante:

“Si ha spesso l’impressione che le donne che decidono di portare l’hijab siano ignorate dalla moda. È sorprendente che un grosso marchio grande riconosca il nostro modo di indossare il velo“.

Nonostante il disappunto dei parenti in Pakistan e Marocco circa il suo debutto nella moda, la Idrissi sta raccogliendo consensi da quasi tutto il popolo web che non fa che congratularsi con lei per una scelta che ha finalmente contribuito a dare un’immagine positiva al mondo musulmano.

Tra l’altro, dal punto di vista commerciale, con Mariah il mercato di H&M si è aperto ad una grande sfera di consumatori che ha le stesse sue orgini, tanto che si prevede un guadagno di 500 miliardi di dollari fino al 2019 grazie agli acquisti dei clienti musulmani nei negozi del marchio svedese.

Another one from the other day

Una foto pubblicata da Salon Marrakesh London (@mariahidrissi) in data: