Continua la scalata nel mondo della moda per Kanye West: il rapper statunitense ha presentato infatti la sua nuova collezione Autunno/Inverno 2016 nella cornice del Madison Square Garden di New York.

Rispetto agli anni passati, questa volta il rapper ha voluto fare le cose in grande, partendo dall’immensa location fino ad arrivare agli innumerevoli inviti: come ci si aspettava quello di Yeezus è stato un evento acclamato, ma non solo per la nuova collezione bensì anche per il lancio del suo nuovo album, “The Life of Pablo”.

Durante lo show, infatti, Kanye ha presentato anche il suo nuovo lavoro discografico, mantenendo comunque l’attenzione sui modelli che, anche questa volta, non hanno calcato la passerella come in una qualsiasi sfilata, ma sono stati fatti rimanere immobili, diventando il punto focale dell’intero show.

Galleria di immagini: Kanye West la sfilata autunno inverno 2016 a New York

Al contrario delle prime due stagioni, nella A/I 2016 Kanye ha attuato nuove modifiche, inserendo anche alcuni toni un po’ più colorati – dal giallo, rosso al blu – insieme alle solite tonalità del nude, marrone e nero: tutte tonalità riproposte per capi sportivi che, in fin dei conti, assomigliano un po’ a quelli delle passate stagioni, dalle tute intere ai body e top super attillati, ai quali si aggiungono delle silhouette più oversize per giacche e cappotti.

yeezy season 3

Una foto pubblicata da Kendall Jenner (@kendalljenner) in data:

Mentre tutti i presenti cantavano e ballavano sulla musica del rapper, i modelli dovevano rimanere immobili in passerella: Kanye, infatti, ha stilato una lunga serie di regole riguardo al loro comportamento durante lo show. Tra queste – anche un po’ assurde – veniva categoricamente vietato loro di bisbigliare, sorridere, ballare, cantare (a meno che non chiesto dallo stesso Kanye), posare in maniera sexy o stabilire contatti visivi ma, invece, dovevano mostrare “orgoglio”. E non è finita qui, perché non potevano guardare nelle telecamere, uscire dal loro personaggio oppure “fare gli stessi movimenti allo stesso tempo”: “se volete muovervi” si legge nella lunga lista delle regole “potete spostare il vostro peso”, “se siete stanchi, sedetevi o sdraiatevi” questo, però, non tutti nello stesso momento. Come non ci fosse limite all’assurdo, un comportamento scorretto da parte di anche solo uno dei modelli, poteva ripercuotersi sulla condotta degli altri.

A dare animo alla passerella, se fino ad ora poteva sembrare troppo seria, ha pensato l’inimitabile Naomi Campbell, alla quale è stato dato il compito di chiudere la sfilata, ovviamente in grande stile, quello della Venere Nera. L’iconica modella britannica ha indossato una tuta intera nera e attillata con collo alto e maniche lunghe, abbinata a una pomposa pelliccia sur ton.

Per l’occasione, ovviamente, non poteva non mancare anche l’intero clan Kardashian, da Kim e la piccola North, fino a mamma Kris, e ancora Kendall, Kylie, Khloé, Kourtney e Caitlyn: impossibile non notarle dato che – oltre ad essere sedute in prima fila – erano tutte rigorosamente vestite di bianco e toni del nude, con tanto di pellicciona e parrucca biondo platino per Kim.

Gli abiti indossati, tuttavia, non sono certamente legati ad una decisione volontaria delle donne della famiglia Kardashian-Jenner: durante lo stesso show Kanye ha svelato che i capi indossati da Kim e compagnia erano frutto di una collaborazione tra il rapper e il Direttore Creativo di Balmain – anche amico della numerosa famiglia – Olivier Rousteing, presente ovviamente tra il pubblico a fianco della famiglia.

Alcuni dei volti più noti del panorama della moda, dello spettacolo, della musica e del cinema, sono stati invitati per assistere alla sfilata: dal direttore di Vogue Anna Wintour ai rapper Jay-Z e 50 Cent, e poi la modella Karlie Kloss, le sorelle Gigi e Bella Hadid e l’attrice Melanie Griffith.