Se alle soglie del Natale non avete ancora spuntato l’intera lista dei regali, per mancanza di idee o di tempo, non scoraggiatevi. La soluzione è semplice, si chiama cesto enogastronomico. Ieri vi abbiamo illustrato come creare dei meravigliosi cesti natalizi fatti in casa, oggi ci concentreremo invece su quelli prettamente culinari.

Sembra, infatti, che la classica confezione di prodotti da tavola sia tornata di gran moda. Sarà perché siamo in tempo di crisi e la nostra coscienza ci impone di evitare il superfluo e prediligere l’utile, sarà perché cibi e bevande sono sempre ben accetti, fatto sta che l’ultima tendenza sono i regali enogastronomici.

Non si può certo dire che le confezioni natalizie siano una novità. L’usanza di regalare cesti di prodotti culinari risale ai primi anni ’50, quando alcuni prodotti erano considerati un vero e proprio lusso, al punto da essere visti come un regalo molto pregiato. Destinatari privilegiati erano, in genere, le figure istituzionali, le autorità cittadine, il medico e tutte quelle persone che si volevano ringraziare per qualche favore ricevuto.

Con il boom economico degli anni ?60 e ’70, la tradizione dei regali enogastronomici si è consolidata ulteriormente; le ceste natalizie diventavano sempre più ricche e contenevano prodotti tipici pregiati.

Che il cesto regalo abbia una lunga storia non deve scoraggiarvi dallo sceglierlo.

Oggi è tornato in auge con una veste nuova. Non più solo i classici panettoni, pandori e altri prodotti natalizi, ma un’attenta selezione di cibi e vini, ancora meglio se tipici di una zona o di una regione.

Per questo, anziché acquistare cesti già pronti, un po’ anonimi e dozzinali, è consigliabile confezionarli personalmente. Così potrete scegliere prodotti di qualità e che rispondono ai gusti dei destinatari.

I cesti natalizi tutti uguali, acquistati in blocco al supermercato, vengono visti come un regalo senza alcun sentimento, per nulla originale e personale. Regalo enogastronomico sì, dunque, purché personalizzato.

Niente più stress per la scelta dei regali: con il giusto mix dei prodotti del nostro territorio non si sbaglia mai.