Una dieta dimagrante che preveda anche la presenza di panini imbottiti può sembrare strana ma non è così, anzi non è affatto in contraddizione con la salvaguardia della linea. Molto spesso si è costrette a optare per un semplice panino soprattutto quando si hanno tempi ristretti o non c’è la possibilità di cucinare, la cosa importante è la scelta del tipo giusto, che sappia combinare in maniera equilibrata gusto e proprietà nutritive.

La cosa più importante da selezionare è la scelta del pane. Affinché il panino possa considerarsi un alimento da introdurre nella dieta dimagrante ai fini del mantenimento del giusto peso occorre prediligere alcuni tipi di pane a sfavore di altri.

In primis andrebbe preferito il pane integrale che è ricco di fibre e facilita il transito intestinale, vanno bene poi i tipi di pane non lavorato quindi ciabatte, francesine e pane arabo. Da evitare invece le tipologie molto elaborate e ricche di grassi come le focacce, le piadine e i panini all’olio o alle noci, oltre ovviamente alla pizza.

Dopo aver scelto la giusta tipologia di pane si passa al contenuto. Evitare le salse come la maionese e condimenti troppo ricchi di olio e sale o burro. Preferire invece alimenti freschi e salutari come le verdure sia lesse che grigliate, il prosciutto crudo senza grasso, il petto di tacchino o di pollo, il tonno e pomodori e la mozzarella, oppure ancora bresaola e rughetta con scaglie di parmigiano, gamberetti e insalata e tutto ciò che la fantasia suggerisce. Al posto del sale si possono utilizzare le spezie.

In questo modo si avranno più risultati, da una parte quello di variare sempre gli ingredienti apportando all’organismo tutti i nutrienti di cui necessita e dall’altra quello di non rinunciare al gusto.

Per mantenere la forma fisica e la salute sarebbe meglio inserire nella dieta dimagrante il panino nel pranzo di mezzogiorno, alternandolo a cena con alimenti diversi così da assicurare il giusto equilibrio tra carboidrati, proteine e grassi che, nelle corrette proporzioni, sono tutti necessari al buon funzionamento fisico e al mantenimento della linea.

Il panino inoltre va considerato un piatto unico al quale non va abbinato altro cibo. Meglio dedicare altri spazi all’alimentazione per esempio a metà mattinata e nel pomeriggio per introdurre frutta o succhi.

Anche il tempo in cui si consuma il pasto è molto importante. Masticare bene il panino aiuta i processi digestivi e l’assimilazione dei nutrienti e aiuta a raggiungere il senso di sazietà. Mediamente il tempo giusto da dedicare al pasto è di almeno 20 minuti.

Fonte: Melarossa.