New Moon” è il secondo capitolo della saga vampiresca di “Twilight”, diretto da Chris Weitz e sceneggiato da Melissa Rosenberg, che uscirà al cinema oggi 18 novembre.

Questa teen comedy romantica, adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo del 2006 di Stephenie Meyer, è forse la più debole di tutta la saga, vista la scarsa presenza del suo protagonista maschile interpretato da Robert Pattinson.

Edward, infatti, decide di lasciare Bella per darle la possibilità di condurre una vita normale. Bella così cade in una depressione profonda, e solo grazie all’amicizia con Jacob riesce a lenire lo straziante dolore. Ma anche Jacob cela delle sorprese: è un licantropo, il cui scopo è uccidere i vampiri. Alla fine Edward e Bella si ricongiungeranno.

Il regista Weitz sceglie di riassumere e rimescolare la storia del libro per adattarla al grande schermo. Cambia l’inizio e il finale del libro, aggiunge scene non presenti nel romanzo.

La fotografia è molto curata, dai colori intensi dei boschi canadesi fino alla bellissima Volterra (che in realtà è Montepulciano). Anche la colonna sonora è degna di nota, come la performance degli attori. In particolare risulta ottima l’interpretazione piena di intrigo e mistero dell’attore gallese Michael Sheen, l’Aro dei temibili Volturi.

Protagonista assoluto di “New Moon” è sicuramente il giovane Taylor Lautner, nelle vesti del licantropo: sguardo dolce, addominali scolpiti sempre in vista e sorriso smagliante. Nonostante il suo ruolo poco fortunato, poiché viene “sedotto e abbandonato”, sicuramente mira a rubare il cuore a molte giovani fan della saga. Di contro Kristen Stewart risulta sempre molto spigolosa e fredda.

La scena più bella e avvincente del film risulta essere il combattimento tra Edward e i Volturi: un po’ Matrix, un po’ “Foresta dei pugnali volanti”.

Una nota negativa riguarda i licantropi: la tecnologia moderna offre molte possibilità, e questi lupi risultano abbastanza finti e poco credibili.

Sicuramente il regista Weitz, nonostante il poco tempo che ha avuto a disposizione e la terribile pressione che ha dovuto subire, ha svolto un buon lavoro, migliore della regista che lo ha preceduto per “Twilight”.

È sempre difficile commentare un film tratto da un libro. Il libro “New Moon” è pieno di emozioni, poesia, avventura. Il film cerca di ricreare gli stessi stati d’animo, la stessa magica atmosfera. In realtà il film sottintende molti passaggi del libro. Solo chi ha letto il libro può apprezzare il film, perché conosce già i dialoghi che nel film sono solo abbozzati.