Ho sempre guardato con sospetto le donne a bordo di un Suv: vettura troppo grande per essere nelle nostre mani che già siamo capaci di fare danni con una due posti elettrica, figuriamoci con un macchinone. Ebbene sì, la mia considerazione del sesso “debole” al volante è bassa, molto bassa. Chiariamoci: non è che non siamo capaci, è che essendo decisamente più multitasking di un uomo, il nostro cervello mentre è impegnato in retromarcia per un parcheggio, allo stesso tempo, pensa a quel progetto che dobbiamo completare in ufficio, a cosa preparare per cena e a quale abito indossare per il prossimo sabato sera in discoteca. Insomma, non cose da poco. Ed è così che la nostra concentrazione si abbassa e… Ops, una toccatina al paraurti della macchina accanto ci è scappata. :D

Torniamo però ai Suv e al mio racconto su come ho cambiato idea a riguardo. Un mercoledì mattina qualsiasi, telefonata del Direttore: “Biffi, c’è da andare a Rimini per una fiera sul trading online, siete in 3 più l’operatore, partite con una Hyundai Santa Fe, guidala tu che poi mi fai sapere come ti sembra”. Una Santa Fe… guidala tu… Non ho mai guidato un Suv, ma c’è sempre una prima volta.

Dieci minuti a bordo un primo approccio con il cambio automatico mai provato dalla sottoscritta, il tempo di prendere le misure e… Donne, mi si è aperto un mondo! Ve la faccio breve e vi descrivo 5 punti che mi hanno convinto a pensare “Che figata la Santa Fe!“.

Galleria di immagini: Nuova Hyundai Santa Fe: foto del test drive

1. Bagagliaio enorme (per gli uomini sarà secondario, per me è fondamentale!), tanto da esser riusciti a caricare il materiale per lo stand in fiera, 4 valige e 2 borsoni pieni di attrezzatura ed avere ancora spazio per almeno altre 3 valige.

2. Comodità di guida top: la Santa Fe è alta al punto giusto da farti “dominare” la strada, i sedili sono decisamente accoglienti, tutti i comandi sono a portata di mano ed il cambio automatico, soprattutto nel traffico, è una manna scesa dal cielo.

3. Sensori di distanza e telecamera posteriore, utilissimi in caso di parcheggio e di sottoscritta al volante.

4. I sette airbag (frontali, laterali anteriori, per la testa ai posti dietro e a riparo delle ginocchia del guidatore) a cui si sommano i poggiatesta anteriori anti-colpo di frusta, perché ditemi ciò che volete, ma più so di essere circondata da cuscini e cuscinetti, e più mi sento sicura!

5. il navigatore satellitare con schermo da 7 pollici e l’impianto audio premium, ma anche le comodissime prese Aux e Usb, essenziali per chi, come me, con lo smartphone in mano ci vive.