L’ombretto è una parte fondamentale di qualunque make up, che sia da giorno o da sera, perfetto per dare un po’ di colore al trucco o un discreto tocco di profondità allo sguardo. Tuttavia, come dimostrano i numerosi e seguitissimi tutorial online, non è così facile stenderlo a regola d’arte, o comunque i passaggi affinché risultato e tenuta siano al massimo non sono sempre chiari.

Non è semplice, d’altra parte, destreggiarsi tra primer, ombretti di tonalità diverse per base e piega, punti luce e glitter, e le palette con 30 elementi di tonalità diverse – se non si sa come utilizzarli – non fanno che confondere le idee.

Abbiamo “rubato” ai migliori make up artist i segreti per stendere al meglio l’ombretto: ne è nata una lista di 7 errori da evitare.

  1. Non utilizzare il primer. L’uso del primer prima dell’ombretto in polvere è un passo essenziale. Serve infatti a idratare la pelle, a mantenere il trucco più a lungo e a fermare la polvere.
  2. Applicare l’ombretto prima del fondotinta. Il fondotinta deve essere applicato prima dell’ombretto, perché la perfezione della pelle e la sua omogeneità sono alla base di ogni trucco riuscito. Il correttore occhiaie potrebbe essere anche evitato se si utilizza l’ombretto, perché insieme alle polveri potrebbe creare un impasto poco piacevole alla vista.
  3. Utilizzare solo il pennello per applicare l’ombretto. Le dita sono grandi strumenti: utilizzate il polpastrello per stendere sulla palpebra l’ombretto e sfumate poi con un pennellino utile per i dettagli.
  4. Mettere troppo prodotto. L’ombretto in eccesso è deleterio per il risultato complessivo del trucco, infatti la polvere in più finisce inevitabilmente per depositarsi sotto l’occhio o sulle guance. Quando utilizzate pennello o dito, quindi, tamponate il prodotto in eccesso sul dorso della mano.
  5. Utilizzare solo l’ombretto nero per creare lo smokey eyes. Lo smokey eyes è un trucco sempre di moda, anche se realizzarlo non è semplice e il nero che viene utilizzato nella versione più nota è intrigante ma molto impegnativo. Non fate l’errore di dimenticare che lo smokey eyes si può realizzare in tanti interessanti altri colori, come il marrone, il grigio scuro, il prugna o le sfumature di blu. Per il tocco finale scegliete una matita morbida, tracciate una linea sulle ciglia e poi sfumate con un pennello.
  6. Evitare l’ombretto sotto gli occhi. Non privatevi del fascino dell’ombretto sotto l’occhio per il timore che le sbavature vi facciano poi sembrare dei “simpatici panda”: stendete una piccola quantità di prodotto sotto la rima ciliare inferiore con un pennellino conico per entrare in quella zona delicata. Poi, stendete il colore fino alla piega realizzando una forma a V laterale, seguendo l’angolo dell’occhio.
  7. Pensare siano necessari almeno quattro ombretti per un trucco perfetto. Specialmente se non siete particolarmente esperte, meglio non lanciarsi in smokey eyes o tecniche particolari che prevedono l’uso di numerosi ombretti. Per fare un bel lavoro bastano una tonalità più chiara per la palpebra molle e una più scura da sfumare all’esterno e nella piega per un approccio minimal ma dal risultato efficace.