La salute in gravidanza è da salvaguardare a tutti i costi; questo vuol dire, in linea generale, limitare il consumo di cibi e bevande contenenti sostanze che, se assunte in grandi quantità, possono recare danni al bambino e alla madre stessa. Un esempio è il consumo di caffeina; questa sostanza notoriamente è contenuta nel caffè, ma anche in altri cibi come il cioccolato.

Per proteggere la salute in gravidanza meglio evitare la caffeina; è una sostanza di origine vegetale presente in natura che ha effetti stimolanti e, in particolare, aumenta la frequenza dei battiti cardiaci e la pressione sanguigna. Questo è proprio uno dei motivi per i quali è sconsigliata l’assunzione eccessiva di questa sostanza durante la gravidanza, perché potrebbe avere ripercussioni sulla salute del feto.

Ѐ stato constatato un cambiamento dei ritmi del sonno del bambino e inoltre il feto ha difficoltà a metabolizzarla. Ѐ stata riscontrata anche una stretta correlazione tra la caffeina e l’aumento del rischio di aborto spontaneo. I dottori comunque consigliano per le donne in gravidanza di non superare i 270 mg di caffeina al giorno.

Per quanto riguarda il consumo di cioccolato, alimento di per sé calorico e per di più contenente caffeina, non ci sono grossi rischi per le furure mamme perché il trucco sta nel non esagerare. Il cioccolato, di per sé, ha degli aspetti buoni ma anche dei difetti. Per quanto concerne i lati positivi, innanzitutto, bisogna dire che esso contiene ferro, magnesio e altre sostanze utili in gravidanza, se prese nelle giuste dosi.

Alcune particolarità contraddistinguono il cioccolato fondente dagli altri tipi: abbassa la pressione sanguigna, aumenta i livelli degli antiossidanti – fattore fondamentale per prevenire alcune tipologie di cancro – protegge dall’invecchiamento e dalle malattie cardiache, abbassa il colesterolo, il peso e aumenta il buonumore (aspetto forse noto ai più).

Proprio quest’ultimo punto è stato comprovato da alcuni studi; infatti, si è notato come le donne che mangiano cioccolato durante la gravidanza siano più felici e questo viene trasmesso al bimbo, rendendolo più propenso al sorriso.

Su Epidemiology è stato riportato uno studio secondo cui il consumo di cioccolato durante la gravidanza potrebbe ridurre il rischio di preeclampsia, più nota come gestosi, vale a dire una sindrome che si manifesta durante la gravidanza ed è associata a manifestazioni cardiovascolari. I rischi riguardano soprattutto la caffeina, perché se consumata eccessivamente può causare difetti alla nascita.

Inoltre, alle gestanti può provocare ripetuti bruciori di stomaco e, se proprio non si riesce a star lontane dal caro cioccolato, un aiuto viene da quello fondente organico. Ma anche per quest’ultima tipologia l’imperativo è: non esagerare. In generale, affidarsi al consiglio del proprio medico è la soluzione migliore; sarà lui, poi, a dire se e quanto cioccolato si può mangiare.