Briosa e all’insegna del colore e del glamour, la collezione Haute Couture primavera/estate 2015 proposta da Schiaparelli a Parigi è un inno alla più pura joie de vivre e al prendere l’alta moda, così come la vita, con la giusta dose di leggerezza.

La sartorialità espressa è magistrale, così come i volumi scolpiti di abiti che accarezzano morbidamente la figura, senza mai costringerla. Elegante, senza essere “legante”, la donna nuova della griffe Schiaparelli gioca con jumpsuit anni Settanta e abiti dall’allure arabeggiante con i bustini nascosti da grandi foulard, anche ton sur ton, che poi volano via leggeri, trasformandosi in cappucci o strascichi.

Infinita la palette dei colori utilizzata, così come la varietà di stampe, tutte dalle accese nuance pop, e i long dress con applicati petali multicolor di rose. Tra stravaganti acconciature afro e caschetti da dark lady super scolpiti, che lanceranno una tendenza forte nel mondo dell’hair styling per la prossima estate, Schiaparelli ha il dono di proporre una vasta varietà di abiti pensati non solo per diverse occasioni d’uso, ma anche per le diverse ore della giornata, ispirandosi a quello che un tempo era d’obbligo per le gentildonne: il cambio d’abito a seconda dell’orario.

Erano altri tempi con altri rituali di bellezza che però riecheggiano ancora con stile in questa collezione con capi da giorno, cocktail dress e abiti da sera. Anche i tessuti sono dei più vari e, oltre a quelli più preziosi come seta, crepe e organza, fa capolino l’appeal strong della pelle, persino proposta in una accattivante variante dorata con giacche monopetto che fungono da abito da sera grazie al loro lunghissimo strascico. Un look perfetto per chi ha gambe da gazzella, lunghe e toniche.

Galleria di immagini: Schiaparelli Haute Couture S/S 2015: foto

Fondato negli anni Trenta dall’eccentrica stilista italiana Elsa Schiaparelli, amante del surrealismo e ai tempi l’unica vera rivale della grandissima Coco Chanel per inventiva e originalità, il brand orbita nel fashion group di Diego Della Valle che tanto si è adoperato in questi anni per il suo rilancio, capendo che per un brand luxury d’heritage fondato da una donna che era più un’artista che una semplice stilista, come dimostrano le sue creazioni al’avanguardia ancora oggi, ci volevano dei designer che possedessero lo stesso afflato artistico e la stessa meravigliosa libertà di pensiero. Così, dopo la riuscitissima collaborazione con Christian Lacroix, la nuova collezione è stata disegnata proprio da un gruppo di artisti, come Jean Paul Goude, che hanno saputo reinterpretare in chiave contemporanea lo spirito anarchico e ribelle di una donna dalla fantasia indomita e senza compromessi.

Foto: ufficio stampa