A 40 anni si vive una seconda giovinezza: la voglia di cambiamento, spesso, si fa insistente e i tagli di capelli sono il primo elemento che si ha voglia di modificare. Le proposte di tagli e colori, sempre nuovi, sono molteplici, ma la paura di sembrare inappropriate incombe continuamente.

La prima cosa da fare quando a questa età si ha voglia di stravolgere la propria immagine è cercare qualcosa che possa far sentire a proprio agio. Se si sono sempre portati i capelli lunghissimi il taglio corto, alla “maschietto” potrebbe essere un passo troppo affrettato. Ponderare bene la scelta, senza farsi prendere dalla smania del cambiamento è fondamentale.

A quest’età il taglio più appropriato è senza dubbio il bob. Un caschetto non troppo corto, elegante  e facile da gestire. Dona un’aria chic ed intrigante e permette di giocare con la lunghezza a proprio piacimento. Portato con la frangia laterale scalata sarà perfetto per chi vuole giocare con la propria immagine e con il proprio look. Anche una frangia piena si sposa benissimo con il bob, ma attenzione a non farla troppo corta.

Il taglio più lungo, all’altezza delle spalle, a quarant’anni va bene, ma deve essere strutturato in maniera eccelsa. Giochi di scalature e sfilettature renderanno la capigliatura elegantemente perfetta.

Se, invece, il vostro sogno è un capello corto optate per qualcosa di voluminoso e selvaggio. La tendenza del momento vede tagli mossi ed irregolari che giocano con le proporzioni e regalano movimento anche ai capelli più corti.

Per quanto riguarda i colori il panorama è pieno di opzioni tra cui scegliere. Se lo shatush è consigliato a donne con qualche anno in meno, il balayage è sicuramente la scelta migliore su cui ricadere. Regala riflessi gloss e uniformi anche ai capelli più spenti.  Un colore tono su tono potrebbe essere una validissima alternativa, uniformando la nuance della propria chioma, mantenendo qua e là dei riflessi. In questo caso basterà un riflessante, dosato a regola d’arte, per avere capelli perfetti.