Dopo aver accolto applausi e plausi da parte di pubblico e critica alla Mostra del cinema di Venezia per “Nocturnal Animals“, Tom Ford è volato nella Grande Mela per la New York Fashion Week, la settimana della moda che – iniziata oggi – si protrarrà fino al 15 settembre. Mr. Ford, che da anni ormai si divide tra cinema e moda (indimenticabile il suo “A Single Man“, del 2009 con uno strepitoso Colin Firth), ha organizzato nella serata di ieri, 7 settembre, al Four Season Restaurant una sfilata evento in cui ha presentato la Fall 2016: una tra le prime collezioni dell’era show now shop now (vale a dire, vedi ora e compri subito).

Proprio per questo a febbraio lo stilista non aveva calcato le passerelle, in attesa di settembre, come anche Burberry e Tom Hilfiger.

Evento mondano di gran classe, parterre ricercato e un tripudio di orchidee sui tavoli hanno fatto da cornice alla passerella allestita al centro della sala, dove i 52 look hanno regalato agli ospiti il lusso, l’eleganza e la sensualità a cui Ford ha abituato da sempre, ancor prima di rivoluzionare in maniera indelebile la Maison Gucci.

Ad aprire la sfilata, Grazia Hartzel con una una giacca di pelle marrone e una gonna a matita; i capelli con un taglio di ispirazione retrò. Le proposte da giorno hanno silhouette strette in vita, intarsi in pelle o cinture di metallo a dare grinta e curve al look. È una gran dama, la nuova donna di Tom Ford, che vive nella grazia e nell’opulenza e ha definitivamente abdicato al minimalismo e al barocco per uno stile all’insegna della femminilità e del lusso.

Sembra che siano proprio la pregiatezza dei tessuti, la ricercatezza dei tagli e l’importanza delle silhouette, classiche ma mai noiose, la risposta dello stilista americano a chi paventava in questo cambio drastico della fruizione della moda la morte del fashion system: compri ora quello che desideri – ardentemente – ora.

Non sono da meno i capi maschili: un uomo che torna ad essere uomo, nelle sue giacche di velluto dal taglio sartoriale, il dolcevita, i pantaloni morbidi e sportivi, fino all’elegantissimo smoking, anch’esso portato con l’immancabile dolcevita.

Abbassate le luci, hanno sfilato poi gli abiti da sera, con Karly Loyce in un top scollato avorio e pantaloni neri e una serie di modelli groove in cui compare forte la passione di Ford per le paillettes.

Le sue modelle preferite sono tutte in passerella – Carolyn Murphy, Amber Valletta, Liya Kebede, Gigi Hadid, Daphne Groeneveld, Sasha Luss – le sue attrici feticcio e amiche di sempre tutte nel front row – Julianne Moore, Uma Thurman, Naomi Campbell, Iman, Rita Ora, Alicia Keys e Swizz Beatz , Karlie Kloss e Jessica Hart – accanto a un nutrito drappello di uomini altrettanto famosi – su tutti, Tom Hanks, Neil Patrick Harris e Zachary Quinto.

A sfilata conclusa, Ford ha ringraziato con un inchino i suoi invitati, ha lasciato che indossatori e indossatrici si mescolassero con la folla e ha presentato l’esibizione del cantante soul Leon Bridges; nell’aria ancora si respirava l’atmosfera senza tempo delle gonne alle caviglie abbinate ai dolcevita, negli occhi il luccichio delle paillettes, i tagli creati apposta per esaltare la bellezza femminile. E, ci scommettiamo, saranno state in molte le presenti a riflettere su quale capo acquistare la mattina successiva, nella boutique di Madison Avenue.