Cosa fare a Roma nel weekend del 24-25-26 maggio 2019

Concerti, spettacoli e mostre nel fine settimana capitolino, tra il seggio elettorale, il concorso ippico a Piazza di Siena e le giornate delle escursioni nei parchi.

Tempo Libero

Non solo musica, mostre d’arte e divertimento tra gli eventi tra cui scegliere cosa fare a Roma nel weekend del 24-25-26 maggio 2019: l’ultimo il fine settimana di maggio è all’insegna, domenica, delle elezioni per il nuovo Parlamento Europeo, che porterà alle urne 417 milioni di cittadini dell’Europa. I seggi, come di consueto, resteranno aperti dalle 7 alle 23.

Sempre in questi tre giorni, previste le Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche, giunte alla quarta edizione: saranno ben 150 gli eventi gratuiti, a partire da venerdì con la Giornata Europea dei Parchi, per finire il 2 giugno per la Festa della Repubblica e la Giornata dei Piccoli Borghi. E le escursioni saranno nei luoghi descritti da poeti, scrittori, pittori.

Ecco, di seguito, la consueta selezione della redazione per aiutarvi a decidere come trascorrere questi tre giorni di relax.

Cosa fare a Roma oggi: venerdì 24 maggio

Babingtons, storica sala da tè capitolina, celebra il 200esimo compleanno della Regina Vittoria e presenta Victoria, la nuova miscela gold creata in onore della sovrana. Per l’anniversario, tutti i tavoli di Babingtons saranno apparecchiati con tovaglie antiche, porcellane e argenti originali dell’800 e verrà servito un menù ispirato all’età vittoriana: 12 portate tra dolce e salato. Ad accompagnare il tea time, momento adorato dalla Regina, una nuova miscela creata per l’evento. Victoria il nuovo blend, è miscelato a mano in edizione limitata con foglie d’oro e argento. Protagonista della serata la Regina Vittoria, interpretata da Debora Mattiello, attrice e autrice teatrale con formazione internazionale. Accanto alla regina personaggi illustri della sua epoca: Sherlock Holmes e Watson, Alice e il Cappellaio Matto, Lydia Thompson, colei che inventò il Burlesque a Londra, e Oscar Wilde. Necessario dress code in tema (basta anche un paio di guanti retrò o una piuma in testa)
Piazza di Spagna, 23. Alle ore 18.30 Il prezzo di partecipazione all’evento è di 48 euro a persona.

I tè vittoriani di Babingtons (Courtesy Press Office)

A Piazza di Siena, in occasione della 87 esima edizione del CSIO Roma, il concorso ippico internazionale organizzato dalla Fise (Federazione Italiana Sport Equestri) e dal Coni, che si tiene nel cuore di Villa Borghese fino al 26 maggio, Valentina Parisse canta l’Inno di Mameli, prodotto da lei stessa in collaborazione con Fabio Garzia, in apertura del concorso internazionale CSIO Coppa delle Nazioni Intesa San Paolo. L’evento vede la partecipazione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e, a conclusione, l’entusiasmante passaggio delle Frecce Tricolori.
Villa Borghese. Alle 14.30. L’accesso all’intera area del Concorso è gratuito, con la possibilità di circolare liberamente in tutta la Villa ad esclusione delle Aree FEI, zone strettamente riservate a cavalli e cavalieri e al personale addetto.

Valentina Parisse (Foto di Luz Gallardo – Courtesy Press Office)

Arriva per la prima volta a Roma la monaca buddista della Corea del Sud Jeong Kwan (protagonista della terza stagione televisiva Chef’s Table su Netflix). Ospite dell’Istituto Culturale Coreano, la chef monaca Jeong Kwan che vive nell’eremo di Chunjinam, farà conoscere i segreti della cucina buddista nel corso di una serie di appuntamenti, tra cui La Cerimonia Barugongyang al Grand Hotel Palace. Jeong Kwan guiderà i partecipanti nell’esperienza del “Barugongyang”, il rituale sacro con cui si mangia con gratitudine nei templi buddisti.
Via Vittorio Veneto, 70. Dalle ore 12 alle ore 14. Prenotazione obbligatoria scrivendo a [email protected]

Ven. Jeong Kwan (Courtesy Press Office)

Presso la Fondazione Baruchello è stata prorogata fino al 26 luglio la mostra Polia, di Carola Bonfili creato appositamente per la Fondazione a Monteverde, con la collaborazione del musicista Francesco Fonassi-colonna sonora e progetto audio del video- e la curatela di Carla Subrizi. La mostra, inaugurata nell’ambito del Grand Tour Contemporaneo e ispirata ispirato al libro Hypnerotomachia Poliphili (1499), traccia un percorso visionario tra video, sculture, maschere, a comporre una grande installazione i cui elementi alludono a paesaggi senza tempo, tra archeologia, mitologia e immaginari del futuro.
Via del Vascello, 35. Dalle 16 alle 19. Ingresso libero.

Polia di Carola Bonfili (Courtesy Press Office)

Nel foyer del Teatro Valle, Sirene, adolescenti e distopie, un appuntamento speciale su drammaturgia e letteratura organizzato da Riccione Teatro. Ospiti dell’incontro tre autrici: Carlotta Corradi, Laura Pugno e Veronica Raimo. L’incontro, condotto da Graziano Graziani, prenderà spunto da tre opere recenti delle autrici: Nel bosco di Carlotta Corradi, testo che si è aggiudicato il Premio di Produzione a Riccione, Sirene di Laura Pugno e Miden di Veronica Raimo. Un appuntamento per ragionare sulle conflittualità che si addensano intorno al corpo femminile.
Via del Teatro Valle, 21. Ore 18. Ingresso libero.

Carlotta Corradi (Foto di Tommaso Salamina – Facebook @carlottacorradi)

Cosa fare a Roma oggi: sabato 25 maggio

Ha aperto Circo Massimo Experience, progetto di valorizzazione in realtà aumentata e in realtà virtuale di uno dei luoghi più significativi della storia della città, il più grande edificio per lo spettacolo dell’antichità e uno dei più grandi di tutti i tempi (600 m di lunghezza per 140 m di larghezza). Si tratta di un progetto all’avanguardia che implementa tecnologie interattive di visualizzazione mai realizzate prima in un’area all’aperto di così ampie dimensioni. Attraverso un percorso di visita immersiva, indossando gli appositi visori, si vedrà per la prima volta il Circo Massimo in tutte le sue fasi storiche: dalla semplice e prima costruzione in legno, ai fasti dell’età imperiale, dal medioevo fino ai primi decenni del ‘900. La narrazione in lingua italiana è affidata alle voci degli attori Claudio Santamaria e Iaia Forte. Il percorso itinerante, della durata di circa 40 minuti, è disponibile anche in inglese, francese, tedesco, spagnolo e russo.
Ingresso da viale Aventino. Dalle 9.30 alle 19. Biglietti da 12 a 10 euro.

Circo Massimo Experience (Courtesy Press Office)

Anche quest’anno il grande patrimonio del Flamenco andaluso in scena sul palco del Teatro Vascello: direttamente da Almeria (Spagna), in anteprima assoluta per l’Italia, il quartetto del chitarrista Tomatito hijo & Kiki Cortiñas al cante, entrambi enfant prodige, il primo è figlio di Tomatito – punto di riferimento del Flamenco in Spagna e in tutto il mondo. Debutteranno per la prima volta in Italia il 25 maggio insieme a musicisti d’eccezione come Cristy Santiago (2a chitarra flamenca) e Antonio Moreno, in arte ‘El Polito’, bailaor e giovane talento. Il quartetto presenta nella prima parte il disco d’esordio di Tomatito hijo, dal titolo Plaza Vieja; nella seconda parte del concerto, un’antologia di brani di Kiki Cortiñas, tra i massimi compositori emergenti del nuovo repertorio flamenco.
Via Giacinto Carini, 78. Alle ore 21. Biglietti da 25 a 20 euro.

José Del Tomate (Courtesy Press Office)

Cosa fare a Roma oggi: domenica 26 maggio

Ultimo giorno, al Palazzo delle Esposizioni, per vedere le 140 fotografie finaliste della 62esima edizione del World Press Photo, che dal 1955 premia ogni anno i migliori fotografi professionisti, contribuendo così a costruire la storia del miglior giornalismo visivo mondiale. A vincere questa edizione per la foto dell’anno è stato John Moore con lo scatto Crying Girl on the Border che mostra la piccola Yanela Sánchez, originaria dell’Honduras, che si dispera mentre lei e la madre Sandra Sánchez vengono arrestate da agenti della polizia di frontiera statunitense a McAllen, in Texas, il 12 giugno 2018.
Via Nazionale, 194. Dalle 10 alle 20 (fino alle 22.30 venerdì e sabato). Biglietti da 10 a 8 euro.

John Moore, Crying Girl on the Border, United States, Getty Images (Courtesy Press Office)

Alla Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica, in occasione del quarantennale dei live Fabrizio De André e PFM in concerto e a vent’anni dalla scomparsa del poeta, PFM – Premiata Forneria Marconi, torna con PFM canta De André – Anniversary, un tour per celebrare il fortunato sodalizio con il cantautore genovese e riproporre una serie di concerti dedicati a quell’evento. Per rinnovare l’abbraccio tra il rock e la poesia, alla scaletta originale saranno aggiunti anche brani tratti da “La buona Novella”, completamente rivisitati dalla band. PFM canta De André – Anniversary avrà sul palco una formazione spettacolare, con due ospiti d’eccezione: Flavio Premoli (fondatore PFM) con l’inconfondibile magia delle sue tastiere e Michele Ascolese, chitarrista storico di Faber.
Viale Pietro de Coubertin, 30. Alle ore 21. Biglietti da 47,80 a 25,25 euro + d.p.

PFM (Courtesy Press Office)

Al Teatro India Lorenzo Lavia dirige gli attori della Scuola di Teatro e Perfezionamento Professionale del Teatro di Roma portando in scena La doppia incostanza di Pierre de Marivaux. Lo spettacolo è l’esito del laboratorio condotto dallo stesso Lorenzo Lavia nell’ambito della Scuola del Teatro di Roma che continua con la sua attività di formazione e perfezionamento a confermare la vocazione a luogo di creazione e incontro fra i differenti mestieri del teatro attraverso un progetto di partnership fra le tre istituzioni di prestigio, dando l’occasione agli allievi attori di lavorare al processo di costruzione del proprio personaggio scenico a stretto contatto con i giovani costumisti dell’Accademia di Costume e Moda e i musicisti del Conservatorio di Musica Santa Cecilia, tutti alla prova con il proprio estro nella restituzione di un’epoca storica.
Lungotevere Vittorio Gassman. Alle ore 21. Ingresso libero.

La doppia incostanza (Foto di Giorgio Lucchetti Courtesy Press Office)