Emporio Armani collezione Primavera-Estate 2019

L'Aeroporto di Linate è stato il palcoscenico d'eccezione di un grande spettacolo all'insegna dalla moda più glam che rifugge gli eccessi ma non rinuncia alla praticità.

Pubblicato il 21 settembre 2018
Moda

Check in e controlli di sicurezza per la sfilata della collezione Primavera-Estate 2019 da 2400 ospiti (tra cui 100 vincitori del contest indetto dalla maison) di Emporio Armani all’aeroporto di Linate, chiusa a sorpresa dallo show di Robbie Williams.

In passerella, nell’hangar che da oltre 20 anni è dominato dalle immagini pubblicitarie della griffe, le linee per lui e per lei per la prima volta insieme. Tanti gli ospiti illustri, come la coppia Pierre Casiraghi e Beatrice Borromeo, il regista Gabriele Muccino, Benedetta Mazzini, la top Eva Riccobono, lo youtuber Cameron Dallas. E ancora dalla musica Jack Savoretti, Levante, Ghali, Baby K, Nina Zilli e Fabio Rovazzi, dal calcio Mauro Icardi e signora, dallo sport Federica Pellegrini e Francesca Schiavone, ma anche il conduttore Alessandro Cattelan e la principessa Pauline, figlia di Stephanie di Monaco. E l’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia e il prefetto Luciana Lamorgese.

Non certo una serata improvvisata: 150 operai hanno lavorato alla costruzione del palco per 10 giorni, mentre ci sono voluti 4 mesi di progettazione per l’intero evento.

Giorgio Armani, come anche Fendi, Max Mara, Prada che lo hanno preceduto in questa seconda giornata di Milano Moda Donna, per la sua linea informale abbandona lo streetwear e torna alle basi del design elegante, senza però rinunciare a parlare alle generazioni più giovani. Si rivolge a materiali moderni come il PVC e non sconfessa la lezione di funzionalità e praticità impartita dallo streetsyle.

Emporio Armani SS 2019 (Getty Images)

Per l’abbigliamento da giorno, la palette di colori è delicata, con giacche classiche e morbide, indossate su pantaloni. Belli i look iridescenti con top a corsetto e pantaloni diafani.

Emporio Armani SS 2019 (Getty Images)

Il look da  sera si fa più vistoso, con piume e frange in blu elettrico e verde acido.

Emporio Armani SS 2019 (Getty Images)

Variegata, glamour, adatta a diverse età e diverse occasioni, la collezione estiva di Emporio Armani rifugge dagli eccessi e non concede nulla all’ammiccamento: Re Giorgio è più vitale che mai.

E se ha rinunciato a trattenere fino all’ultimo giorno i buyers internazionali, sfilando prima del solito con la sua etichetta principale, si è fatto perdonare dalla sua Milano con uno show a sorpresa di Robbie Williams: direttamente dalla passerella, le modelle hanno indossato le magliette “Milan” di Emporio Armani e si sono godute dal front row lo spettacolo. Strepitoso Robbie Williams, in un kilt di paillettes e t-shirt nera Giorgio Armani. “Vieni a Milano e prendi una gonna gratis“, ha scherzato Williams.

Ha cantato “Let Me Entertain You“, si è esibito in un tributo a George Michael, con una cover di Freedom (“Io non sono omosessuale. Però, per il mio George Michael lo sarei stato almeno un pochino. Mi manchi George“, ha detto sul palco). E poi via con una carrellata di successi, da “Love my life“, dedicata ai figli, a “Monsoon“, passando per un duetto a sorpresa con il padre e un siparietto con un’ospite. Ha chiuso facendo salire Armani in persona sul palco: inginocchiato di fronte a lui, che ha definito una leggenda, gli dedicato il finale, “My Way” di Frank Sinatra. Pubblico in delirio: Emporio Armani Boarding un successo assoluto.

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Milano Moda Donna
  • Moda Primavera Estate
  • Sfilate di moda