Le nudità di Alessandra Ambrosio, la bellezza eterea di Elle Fanning, l’inossidabile eleganza di Carla Bruni: non deludono i look della seconda giornata del Festival di Cannes 2019, immancabili catalizzatori dei flash dei fotografi sul red carpet.

Il giorno due della kermesse dedicata al cinema, sulla Croisette fino al 25 maggio, ha visto fuori dalle sale le proteste degli attivisti contro i bombardamenti sugli ospedali nei teatri di guerra e le polemiche ancora accese per la petizione di alcuni gruppi di femministe contro la Palma d’oro alla carriera ad Alain Delon.

Polemica su cui, dalle pagine de La Repubblica, interviene anche Natalia Aspesi: “Sì, è odioso, ma giù le mani da Delon“, si legge sulle pagine del quotidiano. Scrive la giornalista: “La sua bellezza dolce e virile, nei suoi vent’anni, ci commuoveva, ci aiutava a non rassegnarci a maschi che non ci piacevano, Rocco di Rocco e i suoi fratelli di Visconti ci rendeva più sensibili ai meno fortunati, Tancredi di Il Gattopardo di Visconti ci trascinava nella Storia italiana a noi sconosciuta“.

Se guerra e sessismo tengono banco sulla stampa, nel buio della sala sono protagoniste le banlieu parigine raccontate da Les Miserables di Ladj Ly, primo film in concorso per la Francia nella 72esima edizione del Festival. Il regista francese, membro dal 1996 del collettivo Kourtrajmé (fondato da Romain Gavras e Kim Chapiron), delle periferie ha una profonda conoscenza, vi ha già girato il documentario 365 jours à Clichy-Montfermeil, sulle rivolte urbane, e la docu-fiction Go Fast Connection.

Tante – come sempre – le celebrities invitate alla première serale: ecco le attrici e le modelle che hanno solcato il tappeto rosso con gli outfit più belli.

  • Monospalla blu petrolio il longdress di seta firmato Celine di Carla Bruni. Lezione di stile dall’ex prèmiere dame di Francia.

    Carla Bruni Sarkozy  (Photo by Mustafa Yalcin/Anadolu Agency/Getty Images)
  • Sorridente e solare, la giovane Elle Fanning continua a incantare con i suoi outfit. Dopo il Gucci del primo red carpet, ha scelto un abito floreale della collezione Primavera-Estate 2019 di Valentino Haute Couture. Deliziosi i fiorellini che decoravano le trecce dell’acconciatura.

    Elle Fanning (Photo by Oleg NikishinTASS via Getty Images)
  • Piume, paillettes e dettagli intrecciati per la creazione di Olivier Rousteing per Balmain Couture indossato dalla cantante Chris Lee, alla sua prima apparizione sulla Croisette.

    Chris Lee (Photo by George Pimentel/WireImage)
  • Ha fatto di meglio Amber Heard, costretta in un abito bianco di Claes Iversen con profondo spacco laterale. Poco felice la scelta del colore sulla sua carnagione e discutibile l’altissima cintura di cuoio a segnare la vita.

    Amber Heard (Photo by Oleg NikishinTASS via Getty Images)
  • Non certo per eleganza, ma è stata Alessandra Ambrosio la regina del parterre, con il suo succinto minidress rosso di Julien Macdonald, che – complice il vento e le giravolte – poco lasciava all’immaginazione.

    Alessandra Ambrosio (Photo by Samir Hussein/WireImage)
  • Castigato, invece, l’abito di Louis Vuitton indossato da Julianne Moore. L’attrice, sempre bellissima, sembrava più a suo agio con le fluidità della creazione Dior della prima serata che nella costruzione architettonica e futuristica in puro stile Nicolas Ghesquière.

    Julianne Moore (Photo by Oleg NikishinTASS via Getty Images)
  • Verde smeraldo per Melissa Satta in Etro: abito plissettato in chiffon di seta con motivo Paisley bianco. Anche per lei cinturone di cuoio e spacco laterale.

    Melissa Satta (Photo by George Pimentel/WireImage)
  • Neo mamma, da poco convolata a nozze con Vincent Cassel, la bellissima Tina Kunakey ha sottolineato le sue forme ancora – leggermente – ammorbidite dalla gravidanza con uno splendido abito di velluto nero e blu navy di Giorgio Armani Privé.

    Tina Kunakey (Photo by Marc Piasecki/FilmMagic)
  • Trasparenze e applicazioni floreali per l’Atelier Versace di Araya Hargate, bustier strapless trasparente e profondo spacco laterale.

    Araya Hargate (Photo by Mike Marsland/WireImage)
  • La spagnola Rocio Munoz Morales, compagna dell’attore Raul Bova, a Cannes ha fatto la sua prima apparizione come madrina del Taormina Film Fest: era in nero e trasparenze di Giorgio Armani Privé con paillettes e perline metalliche.

    Rocio Munoz Morales (Photo by George Pimentel/WireImage)