Moschino Primavera Estate 2018

La collezione Moschino Primavera Estate 2018 sfila in un giardino fatato, tra rockstar in tutù, My Little Pony e abiti "petalosi".

Pubblicato il 22 settembre 2017
Moda

La collezione Moschino Primavera Estate 2018 che ha sfilato in chiusura della seconda giornata di Milano Moda Donna non sarà stata la più originale firmata da Jeremy Scott, ma è divertente, piena di brio, di spunti per i look a venire e sicuramente con un DNA 100% Moschino. Un’alternativa dopo le più classiche prove di Fendi, Max Mara e Prada.

A iniziare la sfilata ci sono le rocker anni Ottanta tutte catene e lattice, che mitigano il loro look aggressivo con corti e frizzanti tutù neri, rosa, rossi, viola e persino gialli. Hanno capelli corti e calze a rete, portano accessori fetish, stivali da biker, ma poi non resistono al richiamo pop del Mio Mini Pony. Nella prima parte dello show, infatti, i look grintosi sono addolciti dalla caramellosa capsule collection My Little Pony, che scommettiamo andrà a ruba, con t-shirt, maxi felpe, borsette e porta-pranzo rosa che raffigurano i pony colorati giocattolo della Hasbro, protagonisti di serie animate e film, così popolari negli anni Ottanta da superare per un certo periodo le vendite della Barbie.

Tra queste principesse mai cresciute con felpa e tutù, con corpetti in lattex e code con fiocchi voluminosi e romantici, un paio di look in cui le corte gonne in tulle spiccano il volo grazie a bustier piumati che terminano con ali fluttuanti.

Ad annunciare, come già capitato per la collezione Autunno Inverno 2017-2018, il cambio di passo dello show, una breve performance-passerella di Anna Cleveland: in passato si era cimentata con un abito sipario, mentre stavolta avanza sfogliando petali dal suo vestito-fiore.

È solo il primo dei tanti outfit da sera “petalosi” davvero incantevoli: si va dall’abito calla a quello orchidea, passando per l’abito con strascico fatto interamente da grandi petali. Nel giardino di Moschino non mancano le farfalle, e neppure i cespugli pieni di fiori a primavera. Le borsette sono costituite da bombolette spray insetticida, molto utile con abiti così.

Lo sguardo ironico di Jeremy Scott, infine, trasforma Gigi Hadid – in passerella con la sorella Bella – in un vero e proprio mazzo di fiori con tanto di carta ad avvolgerlo, fiocco rosso e bustina a mano con il destinatario del regalo, una persona senz’altro fortunata.

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Milano Moda Donna
  • Moda Primavera Estate
  • Sfilate di moda