Pelle grassa: 5 dritte per scegliere il make up corretto

Le dritte per scegliere il make up corretto in caso di pelle grassa, specialmente in estate quando il caldo aumenta la possibilità di avere la pelle lucida.

Pubblicato il 21 agosto 2017

Chi ha la pelle grassa sa quanto sia importante scegliere il make up corretto, affinché il trucco duri a lungo e rimanga sempre perfetto. Le accortezze da prendere, poi, si moltiplicano in estate, quando caldo e sudore aumentano le possibilità di avere una pelle lucida e un trucco poco duraturo.

Certo, i rimedi naturali per la pelle grassa sono molti, tuttavia è necessario imparare a convivere con una parte delle conseguenze di questo problema che nasce dall’eccesso di sebo e di scegliere i prodotti di conseguenza, partendo dalla crema viso specifica per arrivare al make up.

Trovare un equilibrio non è sempre facile, tanto più che esagerando con pulizia e maschere sebo-regolatrici si potrebbe scatenare l’effetto contrario, e cercare di tenere i pori eccessivamente chiusi non è una soluzione da applicare tutti i giorni, pena la perdita di bellezza, luminosità, salute e benessere della pelle.

Vediamo, allora, quali sono le principali 5 dritte per scegliere il make up corretto in caso di pelle grassa.

  1. Tonico. Il tonico è un po’ la Cenerentola dei prodotti per la cura per la pelle, fondamentale ma in molte ancora non se ne sono accorte. Il tonico, prima dell’idratante e del primer, chiude i pori della pelle, rendendola una base più fresca e pulita.
  2. Primer. Specialmente nei giorni in cui si desidera che il trucco duri più a lungo, è bene che la base sia composta dopo la crema idratante da un primer opacizzante per pelli grasse, che è in grado di tenere sotto controllo a lungo il sebo. Meglio però non utilizzarlo tutti i giorni, perché potrebbe ostruire i pori, o comunque meglio effettuare una profonda pulizia del viso a fine giornata.
  3. Il giusto ordine. Dopo tonico, idratante e primer, non stendete subito il fondotinta. Dedicatevi invece agli occhi, affinché nel frattempo questi elementi di base possano asciugare fino in fondo e costituire un solito “appoggio” per il fondotinta.
  4. Fondotinta. Il fondotinta va scelto accuratamente tra le migliori proposte per pelli grasse. Se non ci sono grandi imperfezioni, l’ideale è un fondotinta minerale, perfetto per assorbire gli eccessi di sebo. Qualora servisse una soluzione più coprente, si può optare per un fondotinta liquido leggero e senza oli. Infatti, ogni prodotto per pelli grasse, dalla crema idratante al fondotinta, dovrebbe essere rigorosamente oil-free.
  5. Cipria. La cipria è un grande alleato per le pelli grasse: dopo aver atteso qualche minuto per l’asciugatura del fondotinta, passatela tamponando con un piumino in velluto. Scegliete quella in polvere trasparente più adatta alla carnagione e fate attenzione a non esagerare, per evitare l’effetto “infarinatura”. Completate con blush o terra o illuminante ma sempre in polvere.
Seguici anche su Google News!