Giorgia è diventata mamma di Samuel circa un anno fa, ma non aveva ancora confessato a nessuno che, prima di realizzare il suo sogno, aveva subito per ben due volte un aborto spontaneo. La cantante-mattatrice dello show di Fiorello si confessa a Vanity Fair, che le dedica la copertina del prossimo numero in edicola, descrivendo la sua tragica esperienza ma anche la forza e la positività dell’amore del suo compagno che l’hanno aiutata a uscire da una profonda depressione.

Giorgia parla dell’aborto e delle difficoltà della gravidanza, ammettendo anche che quest’ultima era ormai diventato un chiodo fisso:

Galleria di immagini: Giorgia, le immagini

«Per anni diventare madre è stata una specie di ossessione. Ho avuto due aborti spontanei, rischiavo di ricadere in un meccanismo malato di autocompiacimento della sofferenza. Ma Emanuel non si è lasciato abbattere. E quando abbiamo smesso di pensarci sono rimasta incinta».

In questa chiacchierata-intervista, la cantante racconta i retroscena della sua storia d’amore con Emanuel Lo, di otto anni più giovane, e di quella volta che le chiese: “Sei felice?”

«Lavoravamo insieme per un tour, lui aveva cominciato a corteggiarmi e io ero tutta sulla difensiva. Pensavo: figurati se posso fidarmi di lui… Non capivo che cosa c’entravo io con un fico così… Chissà che mazzata poi m’aspetta – pensavo – se mi metto con uno come lui: giovane, vitale. Poi la vita per fortuna a un certo punto non mi ha più permesso di pensare. Abbiamo cominciato a baciarci una sera, in macchina e, appunto, Emanuel mi ha chiesto se ero felice».

Un pensiero va anche a Alex Baroni, il cantante alla quale era legata, scomparso nel 2002 in un incidente stradale.

«Ero sempre stata così ansiosa di farmi voler bene, e così convinta di non meritarmelo, che vivevo come nell’attesa costante che qualcosa di tremendo potesse succedermi… La morte di Alex, dentro di me, io ce l’avrò per sempre… Piangevo perché avrei voluto morire anch’io, con lui… Poi, qualcosa dentro di me ha deciso di resistere, sopravvivere».

Per Giorgia, questo è un momento d’oro sia sul piano personale che professionale. Oltre a essere ospite fisso de “Il più grande spettacolo dopo il week end” – dove la performance della cantante con il brano di Mina “Se telefonando” ha fatto registrare durante la prima puntata il picco massimo di audience – c’è il nuovo album “Dietro le apparenze”, uscito lo scorso settembre, e il duetto “Inevitabile” con Eros Ramazzotti, che aveva già scritto per lei “Come saprei” nel ’95.

A gennaio 2012 partirà inoltre il nuovo tour. Dopo le anteprime live a Roma e Milano, “Dietro le Apparenze Tour” arriverà nei Palasport: a Bologna l’8 marzo, il 10 Torino, l’11 Genova, il 13 Firenze, il 14 Conegliano, il 16 Padova, il 17 Ancona, il 23 Palermo, il 24 Acireale, il 26 Eboli, il 27 Napoli. Il 27 aprile Giorgia sarà a Sain Vincent per il Festival Babel.

Fonte: Corriere della Sera